PERCHE’ LA STRATEGIA DEL “BOIA CHI MOLLA” IN BORSA E’ PERICOLOSA

Qualche nostro cliente si ricorderà del titolo Trevi Finanziaria che per molto tempo è stato nei nostri portafogli azionari italiani, regalando guadagni stellari anche a 3 cifre. Poi il segnale di vendita, qualche operazione sul titolo di non grande rilievo e la scomparsa dai radar dei nostri segnali oramai da molto tempo.

Basta peraltro guardare l’andamento del titolo per comprendere che casino è successo a Cesena e dintorni. Difficoltà nel settore dell’estrazione petrolifera dove tutte le major stanno tagliando di brutto gli investimenti (si guardi anche cosa è successo a Saipem) , problemi seri su una commessa dove la società ha emesso un warning determinato da costi di natura straordinaria per il completamento di una commessa della controllata Drillmec relativa ad impianti offshore e fuga dal titolo. Dove lo scorso anno a un prezzo più che doppio rispetto a quello attuale una società facente capo al Tesoro italiano aveva sottoscritto un aumento di capitale (il Fondo Strategico Italiano della Cassa Depositi e Prestiti) per “investire in eccellenze Italiane con ampio potenziale di crescita e di sviluppo internazionale”.

E qui il discorso sarebbe lungo e meriterebbe un giorno un approfondimento perché di casi curiosi di investimenti con i soldi pubblici in “eccellenze” che poi non “eccellono” nei bilanci ce ne sono una moltitudine.

Il grafico di Trevi Finanziaria (un’azienda che fino a quando abbiamo consigliato ci ricordiamo comunque come sana e con brevetti interessanti e che non era impossibile capire comunque che si trovava in una fase del ciclo che diventata difficile con tutto quello che stava succedendo al mercato petrolifero) è comunque impressionante.

Da 2 a 12 euro e ritorno in 10 anni. L’anatroccolo è diventato un bellissimo cigno bianco per poi ritornare a essere un cigno nero.

trevi

Una cattiva pubblicità per coloro che vedono l’investimento in Borsa come una tranquilla passeggiata dove basta “comprare e tenere” e avere nervi saldi e lungo periodo davanti per diventare ricchi. Quelli che sostengono che il “market timing” non è importante e che se compri le Trevi Finanziaria nel 2005 o nel 2008 poco importa come se entri sui mercati finanziari poco prima o dopo un crollo.

Non siamo di questo parere come è noto e infatti i nostri portafogli consigliati (di azioni, fondi o Etf) non sono statici e basati su questo assioma che è il cardine su cui si basa buona parte della consulenza finanziaria dove la “cura” fornita è una valigetta di medicine. “Prendile un po’ tutte, diversifica e poi vedrai che nel tempo dovresti stare un po’ meglio se avrai la capacità di seguire questa cura per qualche decennio”. E pazienza se chi consiglia questa ricetta è in “leggero” conflitto d’interessi visto…

Sì, VOGLIO CONTINUARE A LEGGERE

REGISTRATI GRATIS per poter visualizzare tutti i contenuti e ottenere l'accesso al SoldiExpert Club

* Il nome è un'informazione obbligatoria
* Il cognome è un'informazione obbligatoria
* Il tuo indirizzo email è un'informazione obbligatoria e sarà usato anche come nome utente di accesso al sito, quindi inserisci quello che usi maggiormente
Digita due volte la tua email per evitare errori.
Ti chiediamo il numero di telefono solo per contattarti in caso di problemi.
*Campi obbligatori

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI