Inversione di tendenza della politica monetaria della Fed. La reazione dei mercati

La Fed ha annunciato che ridurrà gli acquisti di obbligazioni a partire da fine mese. È l'inizio dell'inversione di tendenza della politica monetaria, come andrà?

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Le scelte della Federal Reserve statunitense sono decisive per l’intero mercato dei capitali. Quale direzione prenderà la politica monetaria della banca centrale americana? Sul tema scottante intervengono il quotidiano tedesco Handelsblatt e la società inglese Jupiter Asset Management.

La Federal Reserve americana (Fed) inizierà la sua svolta di politica monetaria: da fine mese ridurrà gli acquisti di bond di 15 miliardi di dollari al mese. La mossa è stata fatta “in considerazione dei notevoli ulteriori progressi che l’attività ha compiuto verso gli obiettivi del Comitato dallo scorso dicembre”.

I mercati hanno accolto la notizia con sollievo. Prima della decisione della Fed, le borse statunitensi avevano perso, ma hanno riguadagnato terreno subito dopo Fed: l’S&P 500 e il Nasdaq hanno addirittura raggiunto massimi record. Liz Young, strategist di SoFi (una società americana di finanza personale online, ndr), ha spiegato che i partecipanti al mercato sono sostenitori di una politica monetaria più rigorosa.

La Fed sta attualmente acquistando 120 miliardi di dollari al mese, principalmente titoli di stato e titoli garantiti da ipoteca. Con questo programma, la Fed sta pompando denaro aggiuntivo nei mercati finanziari per mantenere bassi i tassi sui prestiti e stimolare l’economia. Gli acquisti sono iniziati all’inizio della crisi da Coronavirus e hanno spinto il bilancio della Fed a un record di 8,5 trilioni di dollari.

E durante il mese saranno ridotti: gli acquisti di buoni del Tesoro saranno ridotti di 10 miliardi di dollari e i titoli garantiti da ipoteca di 5 miliardi di dollari. La Federal Reserve statunitense non ha fornito una data precisa.

Come hanno reagito i mercati?

La decisione era attesa dalla maggior parte degli analisti ed economisti ed è stata ben accolta dagli investitori. L’indice di volatilità Vix è sceso del 3 per cento. Poco prima che la decisione della Fed fosse annunciata, era ancora in aumento dell’1 per cento.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab

SoldiExpert LAB SoldiExpert LAB