Quali obbligazioni avere in portafoglio? Focus sul portafoglio Reddito Extra

“L’obbligazionario non rende nulla.”

E’ il refrain che da tempo è nella testa degli investitori e un fondamento ce l’ha se si guarda all’andamento storico dei rendimenti sul mercato obbligazionario che sono passati in un decennio dal 7-8% annuo a circa il 2%.

Che fare in un simile scenario? Tenersi i soldi sotto il materasso?

L’andamento dei nostri portafogli di SoldiExpert SCF sull’obbligazionario dimostra che anche qui è possibile catturare dei rendimenti interessanti e il portafoglio Reddito Extra (e non solo) ne è un esempio con un +1,68% da inizio anno dopo un 2013 chiuso con un rendimento oltre il 3,3%.

 

tabella_reddito_extra

 

Seppure l’obbligazionario renda certo meno che in passato questo non significa che non si tratti di una classe d’investimento importante e peraltro in una corretta diversificazione di portafoglio una quota di investimento obbligazionario ci sta tutta.

Salvo che non si abbia un profilo di rischio molto elevato tale da poter sopportare gli alti e bassi (spesso molto alti e molto bassi) dell’investimento azionario seppure attutiti, nei portafogli self-service o nella consulenza su misura di SoldiExpert SCF, da strategie che hanno dimostrato nel corso del tempo di saper contenere notevolmente la volatilità.

Sulla parte obbligazionaria il nostro consiglio, soprattutto nell’ultimo anno, è stato certo di incrementare laddove possibile come profilo la quota destinata all’azionario poiché reputiamo che le migliori opportunità rischio/rendimento si trovino ancora nell’azionario (e i nostri portafogli sull’azionario sono volati…e ancora sono molto interessanti e qui potete verificarne l’eccezionale andamento ) mentre nell’obbligazionario, con simili rendimenti, il rischio non è solo quello di guadagnare poco ma anche di veder oscillare (e non di poco) il proprio capitale.

Ma come investire la quota dedicata all’obbligazionario?

btp

All’interno dei nostri portafogli self-servicedi SoldiExpert SCF due sono le strategie differenti proposte.

  1. I portafogli di fondi/sicav oppure di Etf per investire con un approccio più diversificato e legato anche alla tendenza per poter puntare anche su comparti altrimenti non raggiungibili col fai da te salvo non disporre di patrimoni milionari e avere così anche un maggior controllo del rischio e diversificazione sottoscrivendo portafogli obbligazionari come:
  2. per chi desidera invece avere un approccio più statico e legato all’investimento obbligazionario diretto valutando uno dei nostri tre portafogli dedicati ovvero:

Ma come funzionano i portafogli obbligazionari e come sono composti e come stanno andando?

 

Il portafoglio REDDITO EXTRA ai RAGGI X

andamento_redditoextra

Questa settimana, viste le numerose richieste, abbiamo deciso di fare un focus sul portafoglio REDDITO EXTRA che seleziona le obbligazioni più interessanti con durata non superiore mediamente a 5 anni fra quelle che è possibile negoziare con qualsiasi banca (Mot e Tlx), selezionando i titoli più interessanti per costruire un paniere diversificato e redditizio nel tempo con un flusso cedolare adeguato.

Come in ogni nostro portafoglio modello il risparmiatore riceve una selezione di titoli da acquistare con pesi consigliati e procede alla replica di questo portafoglio e poi agli altri movimenti suggeriti grazie alle nostre indicazioni inviate per email ed sms.

Da quando è stato trasformato in un portafoglio modello a tutti gli effetti con pesi assegnati per ciascun titolo (28 luglio 2011) il rendimento del portafoglio REDDITO EXTRA è stato del +14,61%. Nell’ipotesi in cui si fosse replicato questo portafoglio con 50.000 euro oggi si avrebbero quindi 57.305 euro lordi.

E anche in un periodo di “vacche magre” nel settore obbligazionario come l’attuale questo portafoglio ha dimostrato che una buona selezione dei titoli è la migliore soluzione visto che nel 2013 questo portafoglio ha avuto un rendimento del +3,31% mentre da inizio anno in appena 3 mesi il rendimento è stato del +1,68%

 

Quali titoli hanno più contribuito alla performance del portafoglio Reddito Extra? E come funziona operativamente?

Fra i titoli che hanno contribuito più significativamente al guadagno possiamo menzionare l’obbligazione Dexia Crediop 05/15 Schermo Europa Infl.Europea che, acquistata a poco meno di 87, oggi vale circa 99. Significativo anche il movimento sull’obbligazione zero coupon emessa da Royal Bank of Scotland RBS Giugno 2016 suggerita per la prima volta a 77,35 e che oggi vale circa 96 centesimi. E un’altra scelta che ha premiato significativamente è stato investire sul Regno di Spagna (sì chiama ancora così) ovvero sui Titoli di Stato spagnoli come il Bonos con scadenza 31/01/2016 che da 93 è passato a 105, staccando annualmente cedole del 3,15% lorde.

Sul portafoglio REDDITO EXTRA vengono selezionati una decina/quindicina di titoli con un peso raccomandato e ciascun Cliente, in base al capitale che desidera replicare, può seguirne le raccomandazioni: il portafoglio non è totalmente statico (mediamente 1 o 2 operazioni al mese considerando anche i titoli mantenuti fino alla naturale scadenza) e insieme agli advisor (altri consulenti finanziari indipendenti specializzati nel mercato obbligazionario che collaborano con noi alla selezione di questi portafogli) è sempre possibile variare alcune scelte e inviarne tempestiva comunicazione al risparmiatore poiché magari vengono individuate opportunità di investimento migliori come rischio/rendimento e si decide magari di uscire da un bond per entrarne in un altro con un rendimento stimato superiore.

Un errore molto comune da parte di molti risparmiatori fai da te…

Se un bond ha una cedola del 4% ma il titolo oggi rende magari il 2% effettivo perché il titolo quota abbondantemente sopra la pari il nostro lavoro è quello di magari selezionare un bond con un rendimento effettivo migliore, liquidando il bond “vecchio” per comprarne uno “nuovo” già quotato sul mercato con caratteristiche rischio/rendimenti più interessanti.

Alcuni risparmiatori ragionano sul fatto che tenere il titolo che dà cedole del 4% è furbo da mantenere ma questo sarebbe vero se il titolo rimborsasse il prezzo di mercato ma cosi non è ! Se si tratta di valutare un portafoglio obbligazionario e cercare i rendimenti più interessanti occorre guardare non il passato ma il rendimento stimato futuro. Il passato è passato! E quindi confrontare il rendimento ottenibile su un titolo in portafoglio o ritenuto interessante con altri titoli simili per valutare quale titolo può apportare il miglior rendimento a parità di rischio presunto e durata. Se liquido oggi un titolo che mi dà un rendimento del 2,5% netto per passare a uno che mi darà un rendimento del 3% netto faccio (a parità di altre condizioni) un piccolo affare perché otterrò uno 0,5% in più di rendimento e se questo tipo di switch riesco a farli diverse volte nel portafoglio potrò ottenere rendimenti evidentemente superiori.

 

Come è composto il portafoglio Reddito Extra?

 

Naturalmente nel portafoglio REDDITO EXTRA vengono selezionati anche Titoli di Stato italiani e non solo corporate o di Stati sovrani europei (non si opera però con titoli in valuta) e il lavoro di selezione consiste nel cercare obbligazioni con caratteristiche anche particolari che sono sottovalutate dal mercato e presentano quindi rendimenti superiori ai più classici titoli a tasso fisso o variabile che vengono proposti (spesso in conflitto d’interesse) allo sportello bancario.

Nelle prossime settimane passeremo in rassegna gli altri portafogli obbligazionari ma intanto per questo è tutto e su questa pagina potete trovare ulteriori informazioni e restiamo naturalmente (email info@soldiexper.com, skype: soldiexpert Numero Verde 800.03.15.88)  a disposizione per eventuali richieste di informazione.

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI