Quello che (forse) ancora non sai del petrolio

Un report di Goldman Sachs tratta gli aspetti più interessanti e curiosi che riguardano la materia prima più discussa del momento. Ecco quali

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Da un report di Goldman Sachs, la grande banca d’affari, ecco estrapolati i fatti più interessanti e curiosi riguardo la materia prima più discussa del momento: il petrolio.

 

Il Petrolio è in crescita o in contrazione?

 

Come mostra il grafico seguente l’industria petrolifera hanno dimezzato rispetto al 2014 le riserve di petrolio, ma la produzione è in crescita nonostante i prezzi siano molto più bassi rispetto a sei anni fa.

Le riserve petrolifere dal 2011 ad oggi

Secondo l’analisi di GS la durata delle risorse si dimezzerà a circa 25 anni nel 2021 rispetto ai 50 anni nel 2014. Eppure, gli esperti reputano che l’economia attuale dell’”oro nero” sia molto più “sana” visto che la maggior parte delle risorse, oltre l’80%, è dato da risorse di petrolio e gas con prezzi più bassi, rispetto al 2014, in cui il petrolio low cost rappresentava solo un quinto del totale dei prezzi pagati.

Dal punto di vista della banca d’affari, questo è sintomatico di questa nuova “era di restrizione”, con il mercato che attribuisce un basso valore alle risorse non rinnovabili a causa di un premio al rischio elevato.

 

Costi e ricavi: sempre più difficile andare in pareggio

 

La diminuzione delle riserve ha portato a una drastica contrazione e a un’impennata della curva del costo del petrolio, come mostra il seguente grafico:

La curva del costo del petrolio ha subito un'impennata: un confronto tra il 2009 e oggi

La contrazione riguarderebbe gli ultimi quattro anni. Inoltre, dal confronto tra il 2009 e 2020 si nota come è aumentata la quantità di produzione di petrolio necessaria per andare in pareggio. L’impennata dei costi influenza in modo negativo il lato dei ricavi.

 

Quali aziende europee avranno maggior benefici?

 

Secondo Goldman Sachs solo una manciata di aziende, quelle che hanno avviato i progetti più importanti sull’estrazione del petrolio, vedranno un sostanziale aumento del flusso di cassa a partire dal 2021, mentre le dinamiche del settore inizieranno a normalizzarsi.

L’analisi di GS identifica 10 “vincitori” del settore con BP, ExxonMobil, ENI e TOTAL in testa.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab

SoldiExpert LAB SoldiExpert LAB