QUI (RI)COMINCIA L’AVVENTURA DEI BTP E DEL MIBTEL ALLA VENTURA

Meno di due settimane fa abbiamo pubblicato un articolo intitolato “Il risparmiatore italiano nella tempesta”, una lunga ma crediamo stimolante intervista con Lorenzo Marconi, analista e consulente finanziario, dove discutevamo di errori e trappole in cui è facile cadere preda come investitori.

Per colpa del mercato, degli intermediari ma anche del proprio ego visto che fra i nemici da cui deve proteggersi un investitore c’è anche (e “soprattutto” secondo Benjamin Graham, il mentore di Warren Buffett) se stesso.

Per quelle strane e beffarde circostanze del destino dopo che avevamo pubblicato l’articolo Piazza Affari per qualche giorno è salita e soprattutto i titoli bancari hanno cominciato a rimbalzare vigorosamente e quel titolo “il risparmiatore italiano nella tempesta” a qualche lettore era sembrato eccessivo. Come il consiglio che avevamo dato su diversi portafogli (nei servizi di Alta Consulenza ovvero la consulenza personalizzata o i portafogli modello di SoldiExpert SCF)  di liquidare molte posizioni azionarie, accrescendo la liquidità in portafoglio.

Era così bastato che la Borsa rimbalzasse per far apparire queste scelte a qualcuno poco tempestive e anzi più di qualche risparmiatore ci scriveva o telefonava per chiederci se visti i prezzi “bassi” non fosse stato invece il caso a questo punto di incrementare le posizioni sulle azioni e soprattutto sul settore bancario.

Non è proprio il nostro approccio quello di voler fare scommesse (tali sono) nel breve di questo tipo: l’esperienza (e non solo nostra) ci dice che questo è il miglior metodo nel tempo di bruciare denaro è quello di cercare di  inseguire il mercato senza una strategia predefinita ma affidandosi all’intuito e alla considerazione che “più di così i prezzi non possono scendere” o al contrario che “l’Apocalisse finanziaria è alle porte: meglio stare per un po’ di anni in liquidità, poi si vedrà”.

Purtroppo gli ultimi 10 giorni per i mercati azionari, e in particolare per quello italiano, non si sono rivelati proprio all’insegna del riscatto. Dal 1° luglio a ieri mattina l’indice FTSE Italia All Share ha perso l’11,3%  mentre l’indice FTSE All Share Bank ha perso il 19,4%.

Performance che hanno portato da inizio anno Piazza Affari a perdere quasi il 10% e posizionarsi fra le peggiori Borse del Vecchio Continente mentre fino a qualche mese fa si trovava invece nelle posizioni di testa con un + 13,4% da inizio anno.

Siamo agli ultimi giorni di Pompei? L’Apocalisse è alle porte?

Un risparmiatore potrebbe pensare probabilmente questo a vedere l’andamento di Piazza Affari ma anche dei titoli di Stato in questo inizio luglio. Se si vede nero (come…

Sì, VOGLIO CONTINUARE A LEGGERE

REGISTRATI GRATIS per poter visualizzare tutti i contenuti e ottenere l'accesso al SoldiExpert Club

* Il nome è un'informazione obbligatoria
* Il cognome è un'informazione obbligatoria
* Il tuo indirizzo email è un'informazione obbligatoria e sarà usato anche come nome utente di accesso al sito, quindi inserisci quello che usi maggiormente
Digita due volte la tua email per evitare errori.
Ti chiediamo il numero di telefono solo per contattarti in caso di problemi.
*Campi obbligatori

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI