(Rassegna Stampa- Audio) Bail in: i depositi bancari sono al sicuro?

La nuova normativa di risoluzione delle crisi bancarie, chiamata bail in, preoccupa molti risparmiatori. Premesso che non e' l'anticamera del prelievo forzoso sui conti correnti, è vero che questa normativa introduce cambiamenti epocali per tutti coloro che depositano i propri soldi in banca o ne comprano le obbligazioni o ne sottoscrivono le azioni. Cosa cambia per i depositanti, gli obbligazioni e gli azionisti di una banca con la nuova normativa europea sui salvataggi bancari che entrerà in vigore l’anno prossimo? I soldi in banca sono ancora al sicuro? Ne discutono su Radio InBlu Marco Girardo, responsabile Economia di Avvenire e Roberta Rossi Gaziano Responsabile Consulenza di SoldiExpert Scf

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Dal 2016 entra ufficialmente in vigore la nuova normativa europea sui salvataggi bancari. La parola d’ordine è che in caso di dissesto di una banca i contribuenti di tutta Europa devono essere gli ultimi a farne le spese. Se una banca è in crisi, lo Stato non puo’ più intervenire in prima battuta.

Prima devono pagare tutti gli altri ovvero quelli che nella banca hanno messo soldi: azionisti, obbligazionisti e depositanti sopra i 100 mila euro. Il “bail” il salvataggio finanziario non è più “out” ma “in” quindi se la nostra banca è in crisi, le risorse per risanare la banca devono provenire in primis da quelli che hanno fatto credito alla banca comprandone le obbligazioni o sottoscrivendone le azioni o lasciando i soldi sul conto corrente.

RadioInBlu Economia

In teoria i depositi di tutti i cittadini europei fino a 100 mila euro sono garantiti. Ma chi conosce bene come funziona la garanzia dei depositi bancari sa che i numeri non tornano. E se c’e’ chi fa spallucce perche’ pensa che la nuova normativa non lo tocchi, forse non sa che il mondo è cambiato.

Nessuna banca sarà troppo grande per fallire. “Questo concetto appartiene al passato” è l’affermazione lapidaria di Elke Konig, a capo del Comitato di Risoluzione Unico che dal 2016 gestirà le crisi bancarie, in un’intervista al Sole24Ore. E’ la fine della banca di relazione?

Clicca qui sotto sulla freccia per ascoltare la puntata della trasmissione radiofonica  “l’Economia” andata in onda su RadioInBlu in cui Marco Girardo ha intervistato Roberta Rossi, Responsabile Consulenza, SoldiExpert SCF sulla nuova normativa europea sui salvataggi bancari nota come “Bail In” e sulle conseguenze per azionisti, obbligazionisti e depositanti.