Il petrolio ora scende ma Goldman Sachs lo vede a 80 $ entro l’estate

Come si sta muovendo il mercato dell'"oro nero"? Il rally prende respiro ma non si fermerà secondo Goldman Sachs

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Come si sta muovendo l’oro nero dopo il recente rally che i prezzi del petrolio hanno subito? Ecco un interessante report di Goldman Sachs sul tema.

Come mostra il grafico seguente i prezzi del petrolio sono scesi bruscamente, con il Brent tornato a 63 dollari al barile e ai livelli precedenti all’ultima riunione dell’OPEC e negli ultimi giorni sono scesi ulteriormente per poi andare in altalena con il blocco del canale di Suez  fra timori di blocchi dell’offerta e  della domanda dopo i nuovi lockdown imposti in Europa.

Prezzo del petrolio da giugno 2020 a oggi

Secondo GS il movimento al ribasso del petrolio riflette le preoccupazioni per la campagna delle vaccinazioni in Europa e per l’aumento dei casi Covid ma è dovuto anche a fattori come una maggiore forza del dollaro. Nonostante questo brusco movimento, Goldman Sachs prevede un rapido riequilibrio del mercato del petrolio nei prossimi mesi.

In particolare, GS ritiene che la debolezza dei prezzi del petrolio sia aggravata da costi di stoccaggio nelle raffinerie superiori a quelli stagionali a causa dello stop negli Stati Uniti degli impianti texani colpiti da un’ondata di freddo senza precedenti, nonché dai contratti di finanziamento per lo stoccaggio di barili che sono stati istituiti sei mesi fa.

Per GS è importante notare che queste sono dinamiche transitorie di allocazione delle scorte piuttosto che un aumento delle scorte aggregate.

Dal punto di vista di GS questo quadro dei prezzi del petrolio lascia ancora prevedere incertezza nei prossimi mesi anche se suggerisce un rally più lento entro questa estate.

Come accennato precedentemente un fattore che ha influenzato negativamente il prezzo del petrolio riguarda tutta la produzione che si trova al di fuori degli accordi di finanziamento dello stoccaggio istituiti sei e dodici mesi fa.

L’eccesso di petrolio senza precedenti nel 2020 ha portato a mettere una grande quantità di petrolio in stoccaggio. E’ stato necessario accendere finanziamenti garantiti dalla vendita a termine dei barili, in genere con scadenze di 3, 6 o 12 mesi.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab