Italia sì o Italia no? Vieni a sentirci a Milano il 25 ottobre alla Borsa Italiana

Dopo il notevole successo dei Piani Individuali di Risparmio (PIR) capaci nel 2017 di convogliare il 10% della raccolta totale dell’industria del risparmio gestito e di convincere 500mila risparmiatori a comprare per la prima volta un fondo comune di investimento in base ai dati di una ricerca di Assogestioni a cura di Alessandro Rota, è allo studio un nuovo strumento che punta tutto sull’Italia. Si tratta dei CIR, ovvero i Conti Individuali di Risparmio.

Cosa sono i CIR? Leggi l’analisi sui pro e contro di questi prodotti 

I CIR potrebbero essere introdotti nella prossima legge di bilancio per incentivare l’investimento in titoli di stato da parte dei risparmiatori italiani. I CIR, a quanto è dato sapere, godranno di un doppio vantaggio fiscale: 1) niente tasse sui guadagni in conto capitale e sulle cedole; 2) la possibilità di una detrazione a fini Irpef del 23% sulle somme investite secondo quanto ha dichiarato alla Reuters Armando Siri, sottosegretario leghista alle Infrastrutture e promotore dell’iniziativa. Questi prodotti saranno anche impignorabili e insequestrabili, al pari delle polizze assicurative.

 

 

Tra i nuovi CIR (di fatto investiti sui BTP) e i vecchi PIR (i Piani Individuali di Risparmio), che puntano sul Made in Italy in Borsa e che hanno già catalizzato 18,566 miliardi di risparmi a fine giugno 2018 secondo la mappa trimestrale del Risparmio Gestito a cura di Assogestioni, non sarà troppa questa indigestione di Belpaese quando ha già un patrimonio immobiliare a rischio in Italia? Per evitare danni, occorre riflettere e gestire in modo razionale e non emotivo il proprio patrimonio.

Cosa sono i PIR ( Piani Individuali di Risparmio)? Hanno dei vantaggi fiscali? 

Una buona idea è un check up a 360 gradi del proprio patrimonio mobiliare e immobiliare, per capire quello che veramente serve per vivere meglio. Un buon patrimonio? Dovrebbe essere un po’ solido, un po’ liquido e un po’ gassoso. E anche diversificato ma in modo flessibile. Questo perché diversificare mettendo in portafoglio un po’ di tutto e anche il suo contrario (le famose torte…), con un approccio passivo in mercati che cambiano continuamente può non essere la migliore idea nel tempo.

Certamente è utile parlare anche di argomenti scomodi come la tenuta dell’Italia: siamo serenamente seduti su una bomba a tempo? Vi aspettiamo per discuterne insieme alla Trading Online Expo che si terrà il prossimo 25 e 25 ottobre a Milano alla Borsa Italiana a Palazzo Mezzanotte in Piazza Degli Affari 6. Siamo lì due giorni interi con uno stand dalle 830 alle 1830 in posizione U7 – di fronte alla Sala Gialla.

Per quanto riguarda invece la conferenza sarà giovedì 25 ottobre alle 1400 in Balconata2. Per partecipare occorre registrarsi cliccando qui e se in sala si vuole avere un posto riservato è possibile inviare una email a info@soldiexpert.com indicando il proprio nome e cognome.

 

Clicca sull’immagine per iscriverti alla manifestazione Tol Expo e partecipare alla conferenza di SoldiExpert SCF

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI