Samsung presenta dati negativi. I mercati reagiranno?

Continua l’instabilità sui mercati finanziari e nonostante il piccolo recupero di queste prime sedute del 2019 si attende un periodo di alta volatilità.

Come diceva Warren Buffett, la prima regola è non perdere denaro e la seconda regola è non dimenticare mai la prima regola. Poi in verità, della serie nessuno è perfetto anche Warren Buffett, ha avuto la sua Waterloo negli ultimi anni con una perdita di 700 milioni di dollari avvenuta sulle azioni IBM.

Le prospettive per questo 2019 sono piuttosto negative, ma questo, poi, potrebbe non essere realmente un problema, dato che solamente un anno fa tutti avrebbero scommesso su un 2018 positivo e poi sappiamo bene come è andata. In realtà basta veramente poco per cambiare l’umore dei mercati.

In prospettiva futura un indice molto seguito che è l’Indice Pmi, che anticipa l’andamento nel settore manifatturiero, ha dato nelle ultime settimane un risultato negativo in tutta Europa, ma anche in Cina e questo testimonia il rallentamento dell’economia.

In Italia continua a tenere banco l’affare Banca Carige con lo Stato disposto a salvare la banca così come successo con MPS. Ma è un po’ tutto il settore che sta annaspando e questo è dovuto principalmente alla presenza di tassi di interesse pari a zero, poiché per le banche tanto maggiori sono i tassi di interesse tanto maggiore è la possibilità di guadagnare dalla differenza tra interessi attivi e interessi passivi.

Per ovviare a questa difficoltà, le banche hanno dovuto necessariamente aumentare le entrate sulle attività no core tartassando i clienti su tutta quella che è la componente inerente le commissioni di gestione e questo ha peggiorato i risultati di questi prodotti rendendo la clientela insoddisfatta.

Anche il settore tecnologico mostra un deciso rallentamento e dopo il profit warning di Apple si devono registrare dati al di sotto delle attese da parte di Samsung.

Tra i peggiori titoli del settore spicca Stm che lo scorso anno ha perso più o meno il 40%. Il titolo continua a essere il preferito dai trader che operano sia al rialzo che al ribasso e questo fa sì che tutte le oscillazioni siano leggermente amplificate rispetto all’indice sottostante. Non a caso l’ultima oscillazione negativa è stata molto violenta e l’azienda ha dimezzato la propria capitalizzazione solamente nell’ultimo semestre.

Certamente la guerra dei dazi pesa sui conti di Stm e le vendite sul titolo si sono acuite soprattutto dopo l’arresto in Canada della figlia del fondatore di Huawei e sua direttrice finanziaria. La motivazione era stata la violazione dell’embargo nei confronti dell’Iran e questo evento aveva messo a serio rischio i negoziati tra Stati Uniti e Cina. Huawei, infatti, è cliente di STM ed è un colosso che detiene l’11% circa del mercato dei cellulari.

Su questi temi è intervenuto questa mattina Francesco Pilotti, Responsabile dell’Ufficio Studi di SoldiExpert SCF, nel consueto appuntamento prima dell’apertura dei mercati a “Caffè Affari” su Class CNBC (canale Sky 507), trasmissione condotta questa settimana da Gualtiero Lugli.

Clicca sull’immagine di seguito per il video della trasmissione di oggi.

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check up gratuito e una valutazione del tuo portafoglio

PARLA CON NOI