Cos’è il simposio di Jackson Hole e perché è importante

Il Presidente della Fed parteciperà al simposio di Jackson Hole. IG Markets spiega l'importanza dell'evento più atteso del giorno e quali sono le aspettative

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

IG Markets spiega l’importanza dell’evento più atteso del giorno: il simposio di Jackson Hole a cui parteciperà il Presidente della Banca Centrale americana, Jerome Powell.

Domani nel pomeriggio il presidente della FED Jerome Powell interverrà virtualmente al simposio di Jackson Hole. Le aspettative del mercato sono per un Powell molto accomodante.

I mercati sono in trepida attesa delle parole del presidente del Federal Reserve System, Jerome Powell, al forum di Jackson Hole. Soprattutto dopo gli ultimi avvenimenti che hanno creato un po’ di incertezza sulle modalità e i tempi delle misure di sostegno all’economia spiega Filippo Diodovich di IG Markes. Powell sarà falco o colomba?

 

 

Cosa è il simposio di Jackson Hole?

 

Il forum è organizzato dalla Federal Reserve di Kansas City dal 1978 a Jackson Hole, una valle nello Stato dello Wyoming, famosa, oltre che per il simposio, per i suoi impianti sciistici. Il meeting riunisce banchieri centrali, membri del Federal Reserve System, esponenti di grandi organizzazioni finanziarie, accademici, giornalisti e autorità politiche statunitensi.

Ogni anno il simposio ha un tema. Quello di quest’anno è “Macroeconomic Policy in an Uneven Economy” ovvero le politiche macroeconomiche in un’economia squilibrata. I temi degli ultimi 2 anni erano: nel 2020 “navigare il prossimo decennio, implicazioni per la politica monetaria” e nel 2019 “sfide per la politica monetaria”.

 

 

Perché i mercati sono in trepidante attesa delle parole di Powell

 

Le notizie dell’ultimo meeting della FED (quello di fine luglio) hanno mostrato come i banchieri centrali della FED abbiano discusso e valutato le tempistiche per il lancio del processo di tapering anche entro fine 2021.

Le dichiarazioni dei banchieri delle FED regionali sono molto contrastanti. Ieri il presidente della FED di Dallas, Kaplan, aveva affermato che la view sul tapering dovrà essere rivista in base agli sviluppi della variante delta e alle conseguenze sull’economia americana.

Oggi a Jackson Hole il presidente della FED di St. Louis James Bullard ha invece ribadito che il processo di riduzione degli stimoli monetari deve essere fatto partire il prima possibile per contenere le pressioni inflazionistiche. Bullard ha dichiarato che è necessario essere particolarmente attenti per controllare la stabilità dei prezzi, con un processo di tapering che dovrebbe concludersi a suo avviso a marzo 2022.

 

 

Quali sono le attese sul simposio di Jackson Hole?

 

Le attese di Ig Markets sono per un nulla di fatto. Powell cercherà di prendere ancora tempo prima di annunciare l’inizio del processo di riduzione degli stimoli monetari. I timori sulla diffusione della variante delta e i problemi economici che potrebbe causare nei prossimi trimestri suggeriscono che il presidente della FED possa prolungare l’atteggiamento “wait and see” della Fed.

I dati su inflazione pubblicati domani (indice PCE core) e le prospettive economiche su inflazione, PIL e disoccupazione che saranno preparate per la riunione di settembre saranno determinanti per capire le tempistiche e il ritmo del processo di tapering. Secondo IG Markets l’annuncio del processo di tapering avverrà nel meeting di settembre con inizio a novembre/dicembre 2021.