SUI FONDI D’INVESTIMENTO MEGLIO L’INVESTIMENTO ATTIVO O RINUNCIARE IN PARTENZA E PUNTARE TUTTO SULLA DIVERSIFICAZIONE? LA STORIA DEL CALABRONE.

Voglio trovare un senso a questa storia, anche se questa storia un senso non ce l’ha…”. Sono le parole di Vasco Rossi e di una sua bellissima canzone ed è la domanda che ci ha posto questo mese il direttore di Traders’, Emilio Tomasini. Fare consulenza indipendente sui fondi di investimento ha un senso?

calabroneE la domanda ci sembra molto attuale perché in un noto settimanale finanziario abbiamo letto in queste settimane l’inchiesta di copertina dedicata alla minore interdipendenza fra i vari listini mondiali. Per fare un esempio rispetto alla primavera del 2007 il listino italiano è ancora sotto del 40% mentre quello statunitense è tornato sui massimi.

Effetto di una minore correlazione fra i vari listini secondo la ricerca ripresa in questa inchiesta che spiega come al 2007 l’interdipendenza fra i mercati era superiore al 70% del movimento mentre da qualche anno viaggia sotto il 60%. Risultato? Se si sbaglia piazza o comparto nonostante magari il movimento di fondo sia rialzista c’è il rischio di scottarsi le penne come è successo in questi ultimi semestri a chi ha investito sulle azioni o obbligazioni di molti Paesi emergenti investendo sui fondi di queste aree.

La risposta che viene data ai risparmiatori in questa inchiesta, intervistando gestori e consulente finanziari è però una perla di saggezza o di comicità: dipende dai punti di vista. Se le Borse non seguono più la stessa strada il consiglio della maggior parte degli “esperti” è infatti ora più che mai quello della diversificazione. Comprare un po’ di tutto e cosi’ bilanciare le aree forti con quelle deboli. Fare un mix, un “fritto misto” come diciamo noi per criticare questo modo di impostare la “torta”, facendo un bel pasticcio!

Un po’ di Italia, di azionari emergenti, di Stati Uniti, di obbligazionario  misto  e un pizzico di Emergenti “New Frontiers” e voilà questa è l’asset allocation per molti esperti del settore.

Noi non la pensiamo così e quando leggiamo simili interviste a simili esperti che danno simili consigli ci viene in mente una frase di un certo Warren Buffett un po’ cattivella: “La diversificazione è una protezione contro l’ignoranza”. Vi sembra una frase un po’ forte?

Vediamo le cose dalla parte del risparmiatore che è il nostro padrone (o così dovrebbe essere): questi si rivolge a un consulente finanziario o un private banker o un promotore o vattelapesca per chiedergli come investire il suo patrimonio. Questi è così esperto che a pioggia gli suggerisce di investire su tutto, il rosso e il nero, i pari e il dispari, in modo da “diversificare” bene il patrimonio e così se ci…

Sì, VOGLIO CONTINUARE A LEGGERE

REGISTRATI GRATIS per poter visualizzare tutti i contenuti e ottenere l'accesso al SoldiExpert Club

* Il nome è un'informazione obbligatoria
* Il cognome è un'informazione obbligatoria
* Il tuo indirizzo email è un'informazione obbligatoria e sarà usato anche come nome utente di accesso al sito, quindi inserisci quello che usi maggiormente
Digita due volte la tua email per evitare errori.
Ti chiediamo il numero di telefono solo per contattarti in caso di problemi.
*Campi obbligatori

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI