I tecnologici continueranno a correre con le nuove tasse e la stretta regolamentare?

Quali saranno gli impatti dell'inasprimento regolamentare e dell'aumento delle tasse sul settore tecnologico? Risponde la banca svizzera UBS

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Grazie al contributo di Mark Haefele, cio della banca svizzera UBS, ecco un report interessante, che riportiamo integralmente, su quali conseguenze subirà il settore tecnologico a causa dell’inasprimento normativo e dell’aumento delle tasse.

Il settore tecnologico globale è stato favorito in modo particolare dalla pandemia, grazie ai lockdown e al calo dei tassi d’interesse.

Quest’anno i titoli hi-tech registrano andamenti volatili a causa dell’incremento dei tassi e della speranza che i vaccini accelerino la riapertura dell’economia. Il comparto deve ora fare i conti anche con la prospettiva di un inasprimento normativo e di un aumento delle tasse.

Questa settimana le autorità cinesi hanno imposto una multa record di 2,75 miliardi di dollari ad Alibaba per comportamenti anticoncorrenziali. Secondo notizie di stampa, più di 100 piccole start-up tecnologiche cinesi hanno rimandato la quotazione per timore di attirare indagini regolamentari, come nel caso dell’IPO ora sospesa di una società del gruppo Alibaba.

Inoltre, Apple ha accettato di testimoniare al Senato americano su questioni antitrust relative all’App Store e a presunte pratiche anticoncorrenziali pochi giorni dopo essere stata criticata per aver rifiutato di partecipare a un’audizione del Comitato giudiziario del Senato. Google aveva invece già accettato in via preliminare di presentarsi alle udienze.

Il Presidente Joe Biden ha proposto di aumentare dal 21% al 28% l’aliquota d’imposta sulle società statunitensi e dal 10,5% al 21% quella sui redditi globali da beni immateriali a bassa tassazione (GILTI). Su un altro fronte, il governo americano, tramite il Segretario al Tesoro Janet Yellen, spinge per introdurre un’aliquota minima globale sui profitti esteri delle multinazionali.

UBS ritiene che le pressioni per un inasprimento regolamentare e fiscale nei confronti delle big tech siano destinate a proseguire, ma ricorda che non bisogna sopravvalutare l’impatto di queste iniziative sul settore.

 

Corsa tecnologica: Stati Uniti vs Cina

 

Le autorità nazionali non vogliono impedire al rispettivo Paese di vincere la corsa tecnologica globale né intendono ostacolare il progresso, l’innovazione e lo sviluppo. La corsa tecnologica globale è sempre più caratterizzata dal bipolarismo tra Stati Uniti e Cina, che si contendono il primato del mondo digitale.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab

SoldiExpert LAB SoldiExpert LAB