Il trading esasperato: un errore di borsa comune

Il trading esasperato è uno degli errori più comuni che si commette quando si investe in borsa.

Si tratta principalmente della tendenza a un eccessivo “attivismo”, un comportamento che proveremo a spiegare meglio in questo articolo.

Abbiamo già parlato della mancanza di strategia come di uno dei più comuni sbagli che si possono compiere muovendosi in Borsa.

E rientra sempre in quest’ottica la convinzione, ancora molto diffusa purtroppo, che movimentare molto il portafoglio con un trading esasperato possa aiutare a realizzare maggiori profitti.

Comprare e vendere continuamente significa, invece, con certezza, avere solo maggiori costi d’intermediazione e tutti gli studi sul campo dimostrano che solo una percentuale molto limitata di day trader nel tempo ne esce vincente. Oltre il 90% di coloro che fanno trading esasperato (cioè più operazioni al giorno) finiscono con il perdere tutto il loro denaro o ottenere risultati nettamente peggiori del mercato.

Vediamo di approfondire un po’ il discorso.

 

Trading online: quando è fatto male

Naturalmente buona parte dell’industria del trading online (e del Forex soprattutto) cerca di omettere questo “piccolo” particolare e racconta di casi e testimonianze (spesso discutibili se non false e indimostrabili) di persone che addirittura, anche senza alcuna competenza specifica, hanno iniziato in poco tempo a diventare ricche, comprando e vendendo una volta azioni, una volta valute col Forex, un’altra con le opzioni. Secondo naturalmente il prodotto che devono piazzare.

Purtroppo, le cose, come sanno bene coloro che lavorano nel settore, non stanno in questo modo e anzi più si restringe l’orizzonte temporale e si cerca di guadagnare nel brevissimo, ricorrendo magari a un’ultra movimentazione, maggiori sono le probabilità di perdere.

Anche perché la concorrenza è fortissima e con la diffusione dei programmi di “high frequency trading” in molti mercati le possibilità per un piccolo trader (che è soggetto a condizioni di negoziazione, accesso ai mercati e tempestività ben differenti rispetto a chi opera con un notebook da casa e una connessione internet nettamente più lenta di chi anche per soli pochi millisecondi sa già tutto prima) di guadagnare sono una pia illusione, tranne per una ristrettissima percentuale di trader (e lavorano magari per “conti proprietà” di banche e intermediari) che fanno di quest’attività un vero lavoro e hanno un approccio metodico, imprenditoriale e con capacità di analisi e sintesi spesso fuori dal comune.

E se ottengono risultati positivi non è certo perché dedicano al trading online poche ore al giorno…

Un dato curioso riguarda una ricerca che evidenzia come la movimentazione del portafogli cambi a seconda del sesso dell’investitore.

Gli studi accademici più importanti (Barbar e Odean) condotti su un campione di trader hanno rivelato che gli uomini fanno un volume di trading superiore del 45% al trading delle donne. E gli uomini single negoziano il 67% in più delle donne single, perdendo somme maggiori. E soprattutto l’elevata negoziazione non aumenta i guadagni ma le perdite.

 

La finanza comportamentale come spiegazione al trading esasperato

Cosa significa finanza comportamentale e cosa studia?

La finanza comportamentale è una specifica branca di studi economici che analizza i comportamenti dei mercati finanziari alla luce di un approccio psicologico, ossia utilizzando nei propri modelli di analisi i principi di psicologia legati al comportamento che ognuno di noi ha a livello individuale e quando interagiamo con gli altri.

Si può a ragione affermare che la finanza comportamentale sia una sorta di psicologia applicata alla finanza.

L’approccio compulsivo al trading online rientra nell’ambito di questa finanza comportamentale.

Paura di perdere soldi da un lato e ingiustificati acquisti di massa dall’altro sono due esempi di comportamenti che, applicati alla Borsa, rischiano di compromettere qualsivoglia operazione.

La prima rientra nell’ambito della psicologia individuale, la seconda di quella collettiva ed entrambe sono oggetto di studio della finanza comportamentale, che potremmo vedere come un faro puntato su diversi aspetti.

Prima di tutto sulle emozioni: paura, dicevamo, ma anche insicurezza, avidità, orgoglio…un mix che può incidere sulle scelte dell’investitore portando anche a decisioni irrazionali.

Segue poi l’innata tendenza a farsi influenzare nelle scelte di investimento, a seconda del modo in cui esse ci vengono presentate.

Sono inoltre presi in considerazione i cosiddetti “errori cognitivi”, quelli che vengono fatti quando la mente, pur ragionando razionalmente, si lascia andare a un eccessivo ottimismo e all’illusoria certezza che si possa avere il controllo anche su aspetti incontrollabili.

Infine, la finanza comportamentale non può prescindere dalle inefficienze di mercato (quando cioè i mercati prendono direzioni irrazionali e inefficienti a causa, per esempio, di errori nella valutazione dei prezzi) e dal binomio perdite-guadagni (quando la paura legata alla possibile perdita di denaro supera di gran lunga il piacere che deriva dal successo di un guadagno).

Ma anche se la finanza comportamentale spiega in qualche modo il trading esasperato, non vuol dire che non si tratti di un errore che occorre conoscere bene per poterlo evitare.

Nel nostro modo di fare consulenza ai risparmiatori teniamo conto molto di questi aspetti nell’elaborare strategie e consigli adeguati per ciascun risparmiatore e mercato. E la nostra esperienza può essere preziosa agli investitori piccoli e grandi per evitare di commettere errori che spesso possono essere mortali nell’investire fai da te o nell’affidarsi a soluzioni spesso che sono in fortissimo conflitto d’interesse con quello dei risparmiatori. Questo è il nostro modo di intendere la consulenza patrimoniale indipendente e mettere a disposizione la nostra esperienza stando senza compromessi sempre dalla parte del cliente e senza vendere illusioni che sui mercati finanziari possono costare moltissimo.

Hai delle domande, vuoi saperne di più?

Contattaci!

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI