Settore turistico: se saranno permessi i viaggi esteri si riprenderà

Il settore trai più colpiti dalla pandemia vede all'orizzonte una possibile ripresa se nell'estate si riaprirà. L'analisi di Goldman Sachs

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Quali sono le previsioni per il settore del turismo una volta che le restrizioni verranno meno e si riaprirà in estate?

Ecco un interessante report della banca d’affari americana Goldman Sachs che risponde a questa domanda.

Il turismo nelle economie avanzate è uno dei settori più globalizzati e, i lockdown durante la pandemia hanno avuto un effetto pesante sull’attività economica durante l’estate del 2020.

Gli analisti di GS si aspettano che il turismo si riprenda nel 2021, quando i viaggi internazionali saranno possibili, aggiungendo in media quasi un punto percentuale alla crescita, in Europa meridionale, e circa la metà in Francia, sia nel secondo che nel terzo trimestre.

Nonostante questo rimbalzo, GS si attende che l’attività in questo settore rimanga nettamente al di sotto del livello registrato nel 2019.

Dall’analisi emerge che i visitatori internazionali rappresentano un’ampia quota del turismo totale nell’Europa meridionale e Francia, rappresentando tra il 30% e l’80% delle prenotazioni complessive nei cinque paesi (Francia, Italia, Spagna, Portogallo, Grecia).

È interessante notare che i paesi con il settore turistico più grande in termini di quota del PIL (Grecia, Portogallo e Spagna) sono anche i più dipendenti dai viaggi internazionali.

Il grafico seguente mostra qual è la percentuale di dipendenza dal turismo straniero i suddetti Paesi:

 

I Paesi europei che dipendono di più dai turisti stranieri

 

La dipendenza dai visitatori stranieri e l’integrazione internazionale, secondo GS, aumentano l’esposizione dell’economia del settore, agli effetti negativi derivanti dalle restrizioni introdotte sui viaggi internazionali.

Dallo studio emerge che tutti i paesi dell’Europa meridionale dipendono maggiormente dai turisti intra-europei piuttosto che da quelli extra-europei.

Inoltre, esistono importanti differenze specifiche per ogni paese:

  • Italia e Spagna sono più esposti ai turisti rispettivamente tedeschi e britannici
  • Francia e Grecia condividono una dipendono in misura simile dai turisti provenienti dalla Germania e dal Regno Unito (oltre il 30% del totale)
  • Il Portogallo beneficia della sua vicinanza con la Spagna

Ecco quanto pesa il turismo sul PIL dei diversi Paesi:

 

Quanto pesa il turismo sul PIL nei vari Paesi?

 

… continua a leggere su SoldiExpert Lab