Uranio: quanto è importante l’energia nucleare nella transizione energetica?

Gli investitori scommettono sull'uranio. L'energia nucleare potrebbe avere un ruolo chiave nel corso della transizione energetica

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Esiste una correlazione positiva tra transizione energetica e l’energia nucleare alimentata dall’uranio? Si, secondo gli investitori, l’energia nucleare sta acquisendo rilevanza nel dibattito sul clima come si legge in alcuni interessanti articoli del quotidiano economico inglese Financial Times e quello tedesco Handelsblatt.

Gli investitori scommettono che la transizione verso un’energia più pulita andrà a vantaggio anche dell’energia nucleare e del suo combustibile uranio.

Solactive, fornitore tedesco di indici finanziari, ha mostrato che un suo indice che replica le azioni degli estrattori di uranio ha registrato un rally del 35% nel 2021, raggiungendo il livello più alto in sei anni.

La mossa è guidata dalla speranza che l’energia nucleare giocherà un ruolo importante nell’aiutare i Paesi ad abbandonare i combustibili fossili, visto l’obiettivo di raggiungere zero emissioni entro la metà del secolo.

L’energia nucleare sta ora vivendo una sorta di rinascita nel dibattito sul clima. “Le centrali nucleari forniscono un carico di base a basse emissioni di carbonio per la rete elettrica 24 ore su 24, sette giorni su sette, indipendentemente dal tempo. Ciò rende l’energia nucleare un interessante sostituto dell’elettricità da fonti fossili”, spiega Christian Schärer, partner dell’asset manager Incrementum AG.

 

Chi punta sul nucleare?

 

Al centro della transizione energetica c’è la Cina che si è impegnata ad aumentare la produzione di energia nucleare a 70 Gigawatt (GW) entro il 2025, dagli attuali 50 GW, seguendo l’obiettivo del Presidente Xi Jinping di abbandonare il carbone. Dalla regione asiatica proviene la più alta domanda di uranio

Anche gli Stati Uniti hanno preso una posizione in merito: l’amministrazione del Presidente Joe Biden ha affermato che il nucleare sarà incluso nel suo piano per l’energia pulita per raggiungere l’obiettivo zero emissioni entro il 2035.

Anche altri Paesi più piccoli stanno investendo sul nucleare: negli Emirati Arabi è stata avviata la prima centrale nucleare.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab