Vaccini e nuovi piani green risvegliano il settore delle materie prime

Le notizie che arrivano dal Pharma fanno sperare. I titoli (azioni, Etf, fondi) da valutare per chi vuole puntare sulle commodity

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Per il settore delle materie prime il 2020 è stato un anno abbastanza orribile per gli effetti della pandemia che hanno visto un crollo della domanda in quasi tutte le commodity ad eccezione di quelle considerate un bene rifugio come quelle collegate ai metalli preziosi. Ma non solo.

Molti dei gruppi mondiali che controllano il settore dell’estrazione mineraria o petrolifera hanno dovuto anche affrontare un processo che è lungi dall’essere concluso e che riguarda la sostenibilità ambientale.

Peabody Energy Corporation da inizio anno perde quasi il 90% e rappresenta uno dei più grandi produttore di carbone al mondo e arrivato a rischiare la bancarotta perché è al centro di sconvolgimenti di lungo periodo del mercato energetico poiché il gas naturale e le energie rinnovabili stanno sostituendo il carbone . E inoltre le ricadute economiche del Covid hanno indebolito la domanda di carbone utilizzato nella produzione di acciaio.

Nel settore delle materie prime la selezione è importante guardando si i prezzi ma soprattutto le prospettive a lungo termine e l’andamento dell’economia e dei settori coinvolti.

La vittoria di Joe Biden e l’annuncio di vaccini vicini alla meta ha riportato fermento nelle quotazioni poiché il settore è stato fra i più depressi del 2020. E molte società minerarie si stanno muovendo rapidamente per allinearsi all’agenda sul cambiamento climatico di Joe Biden con alcune materie preferite come il litio, il rame e altri metalli che possono aiutare il presidente eletto a raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi di ridurre le emissioni di carbonio e elettrificare le automobili della nazione.

Con Biden che propone di accelerare la fine del carbone e di altri combustibili fossili con il suo piano climatico da 2 trilioni di dollari, gli estrattori i dei cosiddetti metalli strategici sperano che il team di Biden li veda come partner, non come nemici.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab