Azioni e titoli growth: è la fine per loro?

Inflazione e aumento dei rendimenti: si deve già cercare un'alternativa alle azioni e ai titoli growth? L'opinione di GAM Investments

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

La paura dell’inflazione e l’aumento dei rendimenti fanno intravedere il ritorno di un’alternativa alle azioni?

Secondo il gruppo di gestione patrimoniale indipendente GAM Investments, forse è presto per darle per finite, così come sarebbe incauto decretare la fine dei titoli “growth”.

Quest’ultima è stata una settimana movimentata: mentre stampa e televisione ricordavano la ricorrenza di un anno di Covid-19 (ha compiuto un anno anche il motto “andrà tutto bene”), sui mercati andava in onda la tempesta perfetta.

Le obbligazioni e il settore tecnologico hanno registrato perdite pesanti, giovedì 25 febbraio il rendimento del Treasury a dieci anni superava, sia pure per poco, il livello dell’1,6% (per ripiegare attorno a 1,4% il giorno successivo), l’indice Nasdaq scendeva del 3,5 per cento.

A scatenare la tempesta perfetta, secondo GAM, è stato l’aumento dei rendimenti: la miscela di ripresa economica ed eccesso di sostegni fiscali hanno esacerbato le paure sull’inflazione e, quindi, la paura che le banche centrali siano costrette a modificare le politiche ultra-accomodanti, a “spingere sul freno”, scrive il Wall Street Journal.

L’allarme è stato procurato dal movimento del tasso reale, grandezza finanziaria osservata dalle autorità monetarie e determinante nell’orientare la preferenza per le azioni.

I mercati sono un enorme Jenga, se si sposta un solo mattoncino e si mette a repentaglio la stabilità dell’intera struttura: l’aumento dei tassi di interesse è il mattoncino che fa diminuire il valore attuale dei futuri cash flow delle società, si riduce il premio al rischio e diventa relativamente meno conveniente cercare rendimento nelle azioni, in modo particolare in quei titoli le cui valutazioni sono state spinte a livelli insostenibili proprio dai tassi al pavimento.

Il grafico seguente mostra che le aspettative riguardo all’inflazione sono cresciute:

Aspettative dell'inflazione

I vaccini, le aspettative di ritorno alla normalità, gli stimoli fiscali e la paura dell’inflazione hanno dapprima favorito la rotazione settoriale.

… continua a leggere su SoldiExpert Lab