CONTI DI DEPOSITO, MEDIOLANUM SCENDE NELL’ARENA E CALA L’ASSO

Ennio Doris, il re della vendita di prodotti finanziari collocati tramite promotori finanziari, decide con una mossa a sorpresa, di entrare nel mondo dei conti di deposito con InMediolanum. Con un’offerta quasi senza confronti per chi decide di vincolare il capitale per 12 mesi: il 3,5% lordo che corrisponde al 2,55% netto.Per ottenere lo stesso tasso con Rendimax di Banca Ifis occorre bloccare il capitale per 18 mesi mentre nel caso di Santander Time Deposit di Banca Santander è necessario fermare il capitale per 2 anni. E se i tassi risalgono, più lungo è il periodo del vincolo, maggiori sono le opportunità perse di guadagnare qualche euro in più. Quindi vincoli più brevi sono in questa fase di mercato da preferire. Ma passiamo in rassegna le offerte partendo da quella più sorprendente per una banca come Mediolanum che con i Family Banker (un termine un po’ altisonante per definire la propria rete commerciale di promotori finanziari) ha fatto del contatto umano e della vendita diretta la propria cifra strategica.

ENNIO DORIS, FA SUA LA STRATEGIA… “PROVARE PER CREDERE”

“Sul mercato molti  internauti hanno parecchi preconcetti –spiega Ennio Doris il Presidente di Banca Mediolanum in un’intervista a Plus – il Sole 24 Ore – Noi vogliamo farli accomodare con una modalità facile e veloce e fare in modo che siano loro stessi a richiedere il contatto e il confronto con i family banker. Siamo come un’auto dobbiamo farci provare affinchè ci apprezzino fino in fondo.”

Il conto deposito In Mediolanum è sottoscrivibile direttamente on line senza passare dai promotori finanziari tanto temuti dagli internauti. A clienti dei depositi online “puri” l’idea di avere un promotore finanziario (e ancora di più un family banker) in carne e ossa non è che entusiasmi più di tanto.

Saranno loro, li rassicura Doris in questa intervista, che se vorranno, potranno richiedere il contatto con un family banker.C’è da fidarsi della proposta di Mediolanum In e come si confronta con gli altri conti deposito già in circolazione? O con il mercato obbligazionario dove attualmente un nostro portafoglio personalizzato, selezionando i titoli che ci sembrano i più interessanti sul mercato può rendere quasi il 4% netto con una duration medio di circa 2 anni?

A leggere bene il contratto in realtà le cose non stanno proprio in questi termini e da questo punto di vista il numero uno di Mediolanum dà una versione pro doma sua…

Nel modulo della privacy, parte integrante del contratto, c’è, infatti, scritto che chiunque voglia aprire il conto di deposito In Mediolanum acconsente che i dati  forniti per l’esecuzione del rapporto contrattuale, saranno trattati anche per lo svolgimento, anche mediante altre società del Gruppo Mediolanum o esterne ad esso, di attività di marketing, promozionali, pubblicitarie o ricerche di mercato.

A differenza di quanto avviene normalmente quando si firma il proprio consenso per il trattamento dei propri dati personali, in cui si può evitare di essere “sottoposti” a iniziative commerciali e comunicare il proprio nominativo per finalità di marketing, il cliente che sottoscrive il conto di deposito di Banca Mediolanum deve accettare in blocco il modulo sulla privacy e quindi accettare che i propri dati personali vengano comunicati a tutte le società del Gruppo e quindi anche ai promotori finanziari che potranno svolgere una attività di promozione e pubblicità dei propri prodotti presso i sottoscrittori del conto di deposito “In Mediolanum”.

E’ evidente d’altraparte che se Mediolanum ha deciso di scendere nell’arena, offrendo tassi di questo tipo lo fa anche e forse soprattutto con l’obiettivo di acquisire contatti per la propria rete commerciale che potrà poi proprorre prodotti più remunerativi per la rete commerciale.

Quindi chi deciderà di sottoscrivere questo deposito online è bene che valuti anche questo aspetto, essendo certo anche nel libero arbitrio di valutare o non valutare ulteriori prodotti o offerte che gli dovessero essere proposti dal promotore finanziario di Mediolanum che bussa alla porta di casa.

A parte questo particolare aspetto contrattuale il conto di deposito “In Mediolanum” come si può vedere nella tabella sottostante è fra i conti con la maggior remunerazione. E sulla scadenza a 12 mesi l’unico conto che può fargli concorrenza è quello di Webank (Gruppo Bipiemme) che offre ai nuovi clienti che sottoscrivono il conto deposito e vincolano il capitale per 12 mesi un tasso del 2,55% netto. Webank in particolare  è un conto corrente a tutti gli effetti con canone e spese di gestione zero e offre gratuitamente la carta di credito e il Bancomat.  In Mediolanum è invece solo un conto di deposito, un salvadanaio online per far fruttare i propri risparmi senza i servizi di pagamento e investimento offerti da un tradizionale conto corrente.

IN CASO DI SVINCOLO MEGLIO WEBANK DI MEDIOLANUM

Se però per qualsiasi motivo si avesse bisogno di svincolare la somma depositata se la passerebbe meglio il cliente di Webank rispetto a quello di Mediolanum. Nel caso della società di Doris il tasso di svincolo (ovvero il tasso riconosciuto a chi svincola anticipatamente le somme) è fisso e definito al momento della stipula del contratto.

Attualmente è pari allo 0,73% netto e non può subire incrementi in seguito a un più che probabile rialzo dei tassi. Nel caso di Webank invece il tasso di svincolo è calcolato in base alle condizioni presenti giorno per giorno sul deposito base. Che già oggi è più alto di quello di Mediolanum (0,98% netto contro lo 0,73% netto) e in più se i tassi dovessero salire essendo il tasso base di Webank calcolato maggiorando dello 0,10% il tasso BCE si spunterebbe ben di più che con Mediolanum.

IWPOWER, “RESTA CON ME NON MI LASCIARE”…

Tra le offerte vicine a remunerare la liquidità quasi il 3% netto rientra quella di Iwpower Special. Che offre un rendimento base garantito pari al tasso BCE (oggi lo 0,9125% netto) e un rendimento bonus al cliente che rimane fedele alla banca che può arrivare al 2% netto. Se non si effettuano prelievi e se si rimane fedeli per 2 anni.

LE OFFERTE MIGLIORI SULLA SCADENZA DEI 6 e TRE MESI

Cambiando la scadenza del vincolo (6 o 3 mesi) cambiano anche i nomi degli istituti che offrono le migliori condizioni.

Su scadenze inferiori all’anno il conto di deposito che offre le condizioni migliori è Rendimax di Banca Ifis. Che però a fronte dei miglior tassi in circolazione su periodi brevi (il 2,044% vincolando i soldi a 6 mesi e l’1,93% sul vincolo di tre mesi) non consente, in caso di necessità, il prelievo anticipato. In altre parole se si opta per Rendimax non si può interrompere il vincolo prima della scadenza.Meglio quindi, se non si è sicuri di non aver bisogno della liquidità per alcuni mesi, privilegiare Webank sulla scadenza a 6 mesi perchè offre l’1,679% (che è il miglior tasso dopo Rendimax) e in caso di interruzione anticipata remunera le giacenze al tasso Bce. In Mediolanum sulla scadenza dei 6 mesi non offre un tasso competitivo (l’1,314% netto). Si guadagna di più vincolando i soldi su Che Banca (l’1,46% netto) o mettendoli su Iwpower (l’1,5% netto).

Sulla scadenza dei tre mesi invece le offerte migliori sono, sempre dopo Rendimax, quelle di Webank e Mediolanum: entrambe offrono l’1,314%.

PER CHI NON VUOLE AVERE VINCOLI E AVERE LE MANI LIBERE…

La remunerazione migliore della liquidità per chi vuole avere le mani libere non bloccando il capitale per un periodo predeterminato la offre sempre Rendimax: l’1,679% o il Conto Santander (l’1,6425). Gli altri operatori tendono a offrire tassi vicini al tasso BCE per cui non arrivano a remunerare la liquidità nemmeno l’1% netto.
IN SINTESI

I conti di deposito si rivelano da diversi anni a questa parte a ogni indagine mensile lo strumento migliore per remunerare la liquidità destinata a essere impiegata temporaneamente  per poi essere destinata a comprare nel breve periodo una casa o un veicolo o per essere investita in Borsa. Battono in termini di rendimento e di flessibilità dell’investimento fondi monetari, pronti contro termine, titoli di stato.

Ma non dovrebbero essere utilizzati se non come un parcheggio. Perché per chi può contare su un orizzonte temporale di investimento maggiore dell’anno, le obbligazioni possono offrire rendimenti sulla base dei tassi attuali potenzialmente più elevati. I rendimenti migliori dei conti deposito sono offerti da quelli vincolati su scadenze di almeno un anno. In caso di risalita dei tassi nulla esclude che tra qualche mese vi siano sul mercato offerte migliori di quelle attuali.  Offerte che chi ha sottoscritto un conto di deposito non potrebbe sfruttare.

In caso di risalita dei tassi quindi meglio detenere titoli obbligazionari che parcheggiare i soldi su un conto di deposito vincolato perché è più facile rivedere le proprie scelte di investimento. I migliori conti deposito alle condizioni attuali quando va bene remunerano a stento l’inflazione ma l’obiettivo di un investitore dovrebbe essere quello di ottenere nel medio-lungo termine un rendimento reale positivo e non solo nominale. Quindi ok ai conti deposito se usati come investimento tattico: no se in senso strategico.

 

In questo senso meglio optare sull’obbligazionario su un portafoglio ben diversificato (richiedi qui un eventuale consulenza o informazioni). Attualmente nelle nostre selezioni obbligazionarie per i clienti della consulenza personalizzata si può ottenere un rendimento di quasi il 4% netto all’anno con una duration media di 2 anni con un elevata quota di titoli a tasso variabile in portafoglio. Il miglior modo per agganciarsi alla salita dei tassi d’interesse se dovessero continuare a salire come hanno fatto nell’ultimo anno e il mercato sembra prevedere.

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo appuntamento telefonico gratuito con uno dei nostri consulenti

PARLA CON NOI