Obbligazioni societarie (corporate) in dollari Usa e in Euro. Il punto su questo mercato, quali i titoli piu’ interessanti del comparto e cosa guardare

Obbligazioni societarie (corporate); quello che c'è da sapere in sintesi su differenza fra titoli in dollari e euro, andamento e titoli più

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

Le obbligazioni corporate ovvero societarie rappresentano quella categoria di obbligazioni emesse da società private, essenzialmente banche e società industriali.
Negli anni passati hanno garantito ai sottoscrittori rendimenti mediamente superiori (con alcune eccezioni importanti come quelli delle società con rating elevato per esempio Nestlè considerato più sicura del Btp italiano) a quelli dei titoli governativi ma la stato di pandemia ha provocato una forte flessione di questo tipo di bond. 

Gli “obbligazionari corporate” comprendono strumenti per lo più emessi da società operanti in mercati sviluppati e con merito creditizio investment grade, gli “obbligazionari globali corporate high yield” sono invece focalizzati  solo su emissioni caratterizzate da rating speculativo ovvero presentano maggiori rischi.

L’emittente, quindi, per risultare più “attraente” agli occhi degli investitori, deve pagare un maggiore interesse sul prestito obbligazionario. Il rischio di queste obbligazioni è di insolvenza  e, per questa ragione, le agenzie di rating assegnano a tali strumenti rating (valutazioni) Ba1/BB+ o inferiore.

I Corporate Bond sono obbligazioni societarie (non governative) il cui rating è investment grade (ossia superiore a Ba1/BB+). A differenza della categoria precedente, presentano emittenti di maggiori dimensioni, con business più stabili e con bilanci migliori (minore indebitamento, minore leva finanziaria).

Fra i bond corporate poi una suddivisione ulteriore è fra quelle emessi da società europee e quelle statunitensi dove oltre a cambiare il quartier generale degli emittenti vi è anche un ulteriore effetto importante da valutare è dato dalla valuta di emissione e rimborso che nel caso dei bond Usa è naturalmente il dollaro.

Chi punta su obbligazioni in dollari deve infatti considerare anche il rischio valutario che può giocare a favore o contro. Se si pensa che il cambio euro-dollaro passi per esempio da 1,12 a 1,05 la cosa gioca a favore, viceversa contro. 

Si ipotizzi di acquistare un bond emesso alla pari da una società americana, dal taglio di 10.000 dollari e con rendimento del 5% e con scadenza 2025. Immaginiamo che l’acquisto sia avvenuto a un cambio euro-dollaro di 1,12 e che, pertanto…

Continua a leggere l’analisi pratica su…

Continua a leggere l'analisi su SoldiExpertLAB Continua a leggere l'analisi su SoldiExpertLAB