La Golden Power blinda l’azione Pirelli in Borsa

Dopo il decreto governativo sull'esercizio della Golden Power su Pirelli, è possibile che vi siano dei cambi nell'azionariato con la possibile uscita dei soci cinesi. Tra i possibili soci con peso in aumento ricorre tra gli analisi il nome di Brembo. Leggi la nostra analisi.

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Il blog di SoldiExpert SCF

L’azione Pirelli fa parte della storia della Borsa italiana. Quotata a Milano e a New York negli anni ’20, venne delistata nel 2015 per poi tornare alla quotazione nel 2017. Fondata nel 1872, Pirelli è un’azienda con un brand riconosciuto a livello internazionale ed è tra i principali produttori di pneumatici al mondo.

 

andamento di mercato dell’ azione pirelli

 

Il grafico sottostante, elaborato grazie a Fida Informatica, mostra l’andamento del titolo dal 2017 ad oggi. In cinque anni l’azione Pirelli si è mossa tra massimi poco al di sotto di 8€ e minimi intorno a 3€, sfiorati all’inizio della pandemia Covid. Nel 2023 invece il titolo galleggia nell’intorno di 4,5€ e pare pronto a spiccare un balzo che non arriva.

 

andamento dell'azione Pirelli dal 2017 ad oggi

 

settore di attività di Pirelli

 

Chi compra un’azione Pirelli investe in un’azienda leader nella produzione di pneumatici per automobili, moto e biciclette.  Il posizionamento dell’azienda mira in particolare alla fascia di mercato di alta gamma ed elevati livelli di prestazione.

Nel corso del tempo dunque la società si è specializzata su pneumatici ad alto valore aggiunto e tecnologia innovativa, progettati per garantire elevate performance e alti standard di sicurezza per favorire l’apprezzamento dell’azione Pirelli in Borsa.

Forte di un marchio riconosciuto a livello mondiale, l’azienda vanta una rete di quasi 20.000 punti di distribuzione e rivendita e si avvale di ben 18 impianti di produzione in 13 diversi paesi. Tra i principali concorrenti a livello internazionale si confronta con marchi quali Michelin, Goodyear e Continental.

 

l’ azione pirelli risale nel 2023 grazie a un’innovazione tecnologica

 

L’azienda è costantemente votata allo sviluppo di prodotti sempre più innovativi sia in termini di prestazioni sia di sicurezza, silenziosità e aderenza al manto stradale. Già oggi su un fatturato di 6,5 miliardi € la componente dei prodotti  cosiddetti “high value” pesa per oltre il 70%. Pirelli vanta una capacità di innovazione continua con oltre 2.000 persone (su 31.000 dipendenti complessivi) coinvolte nei progetti di ricerca e sviluppo in 11 paesi. Nella sua storia inoltre l’azienda ha fatto registrare un numero record di brevetti, quasi 6.000 in totale.

Negli ultimi anni un 5% medio dei ricavi da vendita di pneumatici “high value” è stato destinato alle spese di ricerca.

Nell’estate del 2023 l’azione Pirelli in Borsa è salita grazie al Cyber Tyre, il sistema di pneumatici sensorizzati per raccogliere dati durante la marcia del veicolo. I dati raccolti sono trasmessi al computer di bordo e comunicati al guidatore. Le informazioni sono molteplici: dalle caratteristiche del manto stradale, alla pressione, alla temperatura ma anche alla localizzazione e alle infrastrutture circostanti. Una mole e un flusso di dati continui che opportunamente utilizzati possono rappresentare una variabile sensibile e di rilevanza strategica anche per la sicurezza nazionale. Una tecnologia che ha influenzato, come vedremo poco più avanti, l’esercizio della Golden Power da parte dell’esecutivo lo scorso giugno.

 

 

azionariato Pirelli

 

L’azionista di maggioranza di Pirelli è Marco Polo International Italy, la holding d’investimento che raggruppa i soci cinesi guidati da ChemChina, detentrice del 37% delle quote. Seguono Camfin, controllata da Marco Tronchetti Provera, attuale vicepresidente esecutivo, con il 14% e PFQY società italiana interamente controllata dal fondo di investimento governativo cinese Silk Road Fund, con il 9%. Chiudono Brembo attualmente al 6% ma secondo molti analisti in possibile ascesa, e Longmarch Holding, veicolo di investimento anch’esso cinese. Il resto delle azioni è in mano a investitori istituzionali, per un 26% e a investitori retail per un 3,7%. L’immagine sotto allegata è tratta dal sito Pirelli.

 

compagine azionaria dell'azione pirelli

Ha fatto scalpore lo scorso giugno il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri adottato ai sensi della Normativa Golden Power. Quest’ultima prevede che il governo possa intervenire in alcune operazioni societarie per tutelare l’interesse e la sicurezza nazionali. In soldoni dunque, con il Golden Power l’azione Pirelli sconta la minore contedibilità della società: nonostante i cinesi controllino di fatto con un 46% (37%+9%)  sono stati estromessi dalla governance della società.  Sul sito di CONSOB si legge che la misura è stata intrapresa a tutela dell’autonomia di Pirelli e del suo management. Inoltre si è agito a protezione delle tecnologie e delle informazioni di rilevanza strategica possedute dalla società.

Come abbiamo già accennato sopra, uno delle ragioni è legata proprio agli pneumatici dotati di microchip, grazie ai quali sarà possibile non solo una precisa geolocalizzazione dei veicoli ma una raccolta innumerevole di altri dati rilevanti e sensibili.

 

 

dati di bilancio e redditività dell’ azione pirelli

 

Gli ultimi dati comunicati dall’azienda e relativi a fine settembre 2023 sono tutti in miglioramento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.  Come rappresentato nell’immagine sotto allegata e tratta da sito della società, i ricavi netti della società sono cresciuti da 5,033 a 5,160 miliardi € e l’utile netto è salito da 359 a 411 milioni € risollevando il valore dell’azione Pirelli in Borsa. Sono inoltre migliorati sia i margini sia la posizione finanziaria netta.

 

risultati al 30 settembre 2023 dell'azione Pirelli

 

Meno positiva risulta invece la comunicazione che l’aggiornamento del Piano Industriale è stato rimandato a marzo 2024, a seguito delle incertezze legate all’evoluzione dello scenario internazionale.

 

azione pirelli: punti di forza e criticità

 

Un fattore di criticità per l’azione Pirelli è legata quindi all’evoluzione del contesto macroeconomico e geopolitico, che impatta molto sul titolo, proprio per la sua vocazione internazionale.

Inoltre è probabile che assisteremo ad un rimescolamento dell’azionariato, dopo l’estromissione dalla governance degli azionisti cinesi. Questo cambiamento è un’incognita ma potrebbe anche rivelarsi un elemento positivo.

Come abbiamo visto l’azione Pirelli sta da tempo investendo in innovazione e in sostenibilità dei propri prodotti. Alla luce dell’evoluzione tecnologica quest’idea degli pneumatici intelligenti sta progressivamente guadagnando terreno.

Anche l’avvento delle auto elettriche, più pesanti di quelle a carburante, potrebbe comportare un vantaggio per l’azione Pirelli. Il peso infatti potrebbe implicare maggiore usura dei pneumatici, favorendo la necessità di un ricambio più frequente e l’utilizzo di mescole maggiormente resilienti, altro tratto di competenza distintivo di Pirelli.

 

opinioni e considerazioni sull’ azione Pirelli

 

Sono moltissime dunque le variabili in grado di incidere sul futuro andamento dell’azione Pirelli. E’ altamente probabile che oltre a quelle sin qui citate, ve ne siano molte altre al momento più sfumate o meno palesi. Chi è in grado di valutare tutto a priori? Nessuno purtroppo.

Quello che ormai da oltre vent’anni facciamo noi di Soldiexpert SCF è un’analisi attenta e ragionata di dati, statistiche, rischi, potenzialità, possibili evoluzioni del mercato finalizzata alla costruzione di portafogli solidi calibrati sulle esigenze dei nostri clienti.

Nessun titolo è a se stante o buono o cattivo in senso assoluto ma può essere inserito efficacemente all’interno di un portafoglio per apportare diversificazione o stabilità o dinamicità o opportunità.

Se hai azioni Pirelli o azioni di altre aziende e stai cercando un parere esperto e indipendente e una valutazione approfondita, contattaci oggi stesso per un check-up gratuito del tuo portafoglio.

 

Salvatore Gaziano

Responsabile Strategie di Investimento di SoldiExpert SCF

Prenota un appuntamento

Roberta Rossi Gaziano

Responsabile Consulenza Personalizzata di SoldiExpert SCF

Prenota un appuntamento

Francesco Pilotti

Responsabile Ufficio Studi di SoldiExpert SCF

Prenota un appuntamento

Marco Cini

Esperto di pianificazione finanziara e previdenziale

Prenota un appuntamento