Investire nel 2022: le azioni continueranno a salire?

Cosa aspettarsi sui mercati? Per investire nel 2022 è bene fidarsi delle previsioni di Borsa? Ecco il focus sui mercati finanziari nella Lettera Settimanale di Salvatore Gaziano

MoneyReport, il blog di SoldiExpert SCF

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check-up gratuito o una valutazione del tuo portafoglio

(questa analisi è stata pubblicata in anteprima e in versione integrale nella nuova Lettera Settimanale che viene inviata ogni martedì agli iscritti al nostro sito insieme ad altri contenuti speciali: è possibile registrarsi gratuitamente qui nel caso non si fosse già registrati al nostro sito)

Che anno sarà il 2022? Cosa aspettarsi sui mercati per investire nel 2022? Le azioni continueranno a salire oppure assisteremo a un cambio di rotta? Ma soprattutto, le previsioni di Borsa sono sempre attendibili? Sono tutte domande più che lecite. E per questo facciamo un focus sulle previsioni di Borsa e rispondere a un nostro lettore che aveva dubbi in merito analizzando come sono andati i mercati. 

È una delle domande più ricorrenti di ogni fine dell’anno vecchio e principio del nuovo e, come dice un gestore svizzero di lungo corso, Jean Keller, con cui condivido non solo la lunga (oltre 35 anni) militanza nei mercati: “ogni anno si discutono nuovi rischi e ogni volta sembra di trovarsi in un momento difficile. A gennaio, le persone si preoccupano di cosa potrebbe andare storto. Ma se investi bene e hai in portafoglio titoli di alta qualità a lungo termine hai fatto molto bene e molto meglio della maggior parte delle persone che cercano di cronometrare il mercato”.

Mi ha scritto in proposito un risparmiatore dubbioso sull’affidabilità delle previsioni di Borsa e quelle dei guru in generale, per investire nel 2022 e non solo. La realtà dimostra che la correlazione di queste previsioni di Borsa è vicina allo zero, ma lo show si ripete ogni anno. Ecco la domanda alla quale ho provato a rispondere sul quotidiano Domani.

 

“Ho letto molte previsioni finanziarie per l’anno borsistico 2022 e sono confuso. I prezzi delle azioni, leggendo diversi indicatori, sembrano alti quasi come non mai e questo scoraggia l’investimento azionario. Ma i rendimenti dell’obbligazionario sono o miseri o addirittura negativi e tenere i soldi in liquidità non sembra il miglior luogo dove rifugiarsi, considerata l’inflazione graffiante. Che fare? Quali sono le prospettive per l’anno che verrà? Hanno un senso o valore queste previsioni?”

 

Vediamo quindi se per investire nel 2022 le previsioni di Borsa sono attendibili e affidabili.

 

 

Le previsioni di Borsa sono attendibili per investire?

 

Lo stesso premio Nobel per l’Economia Robert Shiller sulla sopravvalutazione delle azioni ha espresso da tempo un pensiero più articolato rispetto a chi fa notare che il valore medio dello stesso indicatore da lui ideato, il Cape Shiller (un rapporto prezzo/utili corretto per il ciclo e dove la capitalizzazione di Borsa di un mercato è divisa per la media decennale degli utili) è su valori molto elevati e vicini ai massimi storici.

A inizio 2021 uno studio dello stesso Shiller insieme ad altri economisti ha evidenziato come i prezzi elevati delle azioni di oggi potevano ancora essere giustificati, perché i tassi di interesse erano molto bassi.

Rispetto ai rendimenti reali offerti sui titoli di stato privi di rischio, i prezzi delle azioni hanno ancora un fascino immutato concludeva lo studio. E il 2021 ha visto un boom ancora delle azioni.

Se l’orizzonte temporale d’investimento non è quello di una mosca, in oltre 50 anni di andamento dei mercati un paniere di investimenti azionari e obbligazionari e materie prime ben bilanciato ha prodotto un rendimento annuale reale sempre positivo e nettamente superiore a quello di coloro che hanno giocato a fare i guru e i trader (lo dicono le statistiche ufficiali). Perciò, le previsioni di Borsa sono attendibili per investire?

Evidentemente è più facile far credere ancora ai risparmiatori che qualcuno è in grado di possedere doti divinatorie sui mercati finanziari e fare “cinema”. Anche per farsi pagare grassi compensi e far credere di essere indispensabili al risparmiatore che si rivolge agli “esperti”.

In realtà, come cantava Vasco Rossi, “un senso non ce l’ha” tutto questo fiorire di previsioni sull’andamento dei mercati borsistici. È stata analizzata la correlazione degli ultimi 20 anni fra previsioni di Borsa degli analisti e andamento effettivo dei 12 mesi successivi e il risultato è stato sostanzialmente zero.

In pratica, se lanciate una moneta non c’è molta differenza rispetto all’ufficio studi di una blasonata casa d’investimenti. Quindi, alla domanda “le previsioni di Borsa sono attendibili per investire?” si risponde con un grosso no!

 

 

Le previsioni sui mercati finanziari sono giuste?

 

Scorrendo molti report di banche d’affari si legge che nel 2022 c’è da attendersi molta volatilità che è un modo elegante per dire che non si sa bene cosa accadrà, poiché potrà salire ma anche scendere. Perciò è giusto domandarsi se le previsioni sui mercati finanziari siano giuste o meno. E per rispondere, vediamo cosa era stato pronosticato un anno fa e cosa effettivamente è andato come previsto.

12 mesi fa molti report pronosticavano un 2021 molto volatile dopo le montagne russe (anzi cinesi per lo scoppio della pandemia) del 2020 mentre, invece, Wall Street ha visto quest’anno solo 5 sedute borsistiche con variazioni negative superiori al 2%. Un record assoluto.

Un po’ come quando leggete le previsioni sui mercati finanziari che vi dicono che l’anno futuro sarà “selettivo”. Un modo furbetto per dire che ci sarà qualcosa che sale e qualcosa che scende, cosa che potrebbe dirci anche nostra madre pensionata.

Alla fine dell’anno scorso il consiglio quasi unanime degli strategist era sovrappesare la Cina e alleggerire la parte tech, poiché già nel 2020 aveva sovraperformato. E piuttosto puntare sui titoli più sottovalutati, ovvero “value”, come si dice nel gergo del settore, e più sull’Europa che sugli Stati Uniti, perché più conveniente come multipli e scontata.

 

Investire nel 2022: le previsioni di Borsa sono attendibili?

 

Inutile dire se le previsioni sui mercati finanziari si sono rivelate giuste. Si è avverato quasi tutto ma al contrario. La Cina (che alcuni gestori consigliavano di sovrappesare) è stata fra le grandi delusioni del 2021 (Msci China + 5,3% nel 2021) condizionata dall’interventismo governativo “punta e tacco” del Partito Comunista Cinese e poi dalla crisi immobiliare.

L’Europa non ce l’ha fatta nemmeno quest’anno a superare l’andamento di Wall Street trainata soprattutto dai soliti tecnologici se si guarda al Nasdaq 100. E si è chiuso comunque un grande anno, nonostante uno dei report più citati (della casa d’investimento ING) lo scorso anno si intitolasse: “The darkness before the dawn” (Il buio prima dell’alba) e postulava che sarebbe potuto andare tutto molto male prima di andare molto bene.

 

 

Per investire nel 2022 meglio non fidarsi dei guru

 

“Niente al mondo si può immaginare prima. Tutto è costituito da tanti elementi unici che non possono essere previsti” diceva Nostradamus. E se lo diceva Nostradamus…

E così, per investire nel 2022 è meglio non fidarsi dei guru e delle loro previsioni di Borsa.

I sacerdoti della finanza (e i loro compari guru) devono invece far credere di essere in possesso di doti divinatorie sui mercati (anche perché si fanno strapagare per replicare nel migliore dei casi cosa fa il mercato all’ingiù o all’insù) e sfornano continuamente previsioni (che raggiungono a fine anno l’acme e vengono definiti outlook) che è sempre uno spasso esaminare e confrontare con l’andamento dei mercati.

Resta inascoltato il monito di uno dei più grandi economisti della storia, John Kenneth Galbraith: “la sola funzione delle previsioni in campo economico è quella di rendere persino l’astrologia un po’ più rispettabile”.

Nessuno, infatti, sa quello che succederà sui mercati finanziari come nessun astrologo potrà mai dirvi cosa vi succederà di bello o di brutto la prossima settimana o mese. Per investire nel 2022 con serietà e lungimiranza è meglio non fidarsi dei guru della finanza. L’ultima cosa che si dovrebbe prendere in considerazione è farlo sulla base delle dritte che gli esperti sciorinano sui giornali o nei report. Compresi quelli dove si dicono che i prezzi sono troppo bassi (e più di così non possono scendere) o troppo alti (e l’apocalisse è imminente).

Anche i “profeti dell’imminente crisi” o del “crollo dietro l’angolo” ci sono sempre stati e sono sempre più presenti quando sui mercati ritorna la paura o i prezzi sono saliti molto.

Per lo più, questi guru della finanza hanno interessi personali, anche solo per farsi conoscere, avere i loro 15 minuti di celebrità o vendere i loro libri, fondi o newsletter che magari parlano delle previsioni riguardo a crack finanziari. Il momento perfetto per investire non esiste, come non esiste lo Yeti, ma è pieno il mondo (anche dell’investire) di aspiranti geni della finanza.

I mercati finanziari se ne fregano, insomma, delle previsioni di Borsa ed è molto più importante avere invece un approccio ragionato agli investimenti che non si basi né sulla speranza né sulla paura, ma su un paniere di strumenti diversificati (possibilmente a basso costo se l’obiettivo non è far diventare ricco qualcun altro) in base all’orizzonte temporale, capacità di sopportare le perdite e a un minimo di conoscenza dei mercati finanziari.

 

 

Mercati finanziari: come stanno andando?

 

Dopo aver capito che per investire nel 2022 non è una buona scelta affidarsi e fidarsi delle previsioni di Borsa, vediamo come stanno andando i mercati finanziari a inizio di questo nuovo anno.

Il nuovo anno è iniziato tutto sommato bene per i mercati azionari mondiali nonostante la salita del rendimento dell’obbligazionario più ripida e rapida del previsto con l’obbligazionario decennale Usa tornato a sfiorare il rendimento dell’1,8% all’anno. Un livello che non si vedeva dai livelli pre-Covid ovvero dal gennaio 2020 quando se qualcuno ci avesse raccontato che da un mercato di Wuhan in Cina si sarebbe propagata una pandemia (che avrebbe messo a ferro e fuoco l’economia e la sanità di tutto il globo) lo avremmo guardato come un matto.

Per molti investitori che si affacciano sui mercati finanziari l’azionario resta comunque un’oasi di rendimenti in un mondo dominato dalla “repressione finanziaria”.

Il professor Burton Malkiel dell’università di Princeton (Il suo libro “A Random Walk Down Wall Street” tradotto in italiano “A zonzo per Wall Street” ed edito da Hoepli è fra i 10 libri di finanza personale più importanti del secolo scorso) continua a pensare che è altamente consigliato inserire in portafoglio azioni di qualità per difendersi da chi (come gli Stati) cerca di svalutare i soldi per ripagare più facilmente il debito pubblico accumulato.

Qualcuno potrebbe dire: “Cavolo, se sostituisci le obbligazioni con azioni che pagano alti dividendi, non ti stai assumendo un rischio maggiore?”

Malkiel, interpellato recentemente sul tema, non pensa sia così per gli investitori che vorranno un giorno contare su una buona pensione e nel corso del 2021 abbiamo visto proprio questo con l’azionario con rendimenti positivi e molto positivi in quasi tutto il globo mentre l’obbligazionario mondiale ha visto il suo peggiore anno dal 1999 (-4,8% al netto dell’effetto valuta l’indice Barclays global aggregate, un paniere diversificato che replica l’andamento di 68 trilioni di dollari di obbligazioni governative e corporate).

Ecco quindi come stanno andando i mercati finanziari. Noi per adesso non crediamo a nessuna previsione di Borsa e continuiamo con le nostre strategie di investimento. A questo proposito in SoldiExpert in queste settimane abbiamo lavorato ai ribilanciamenti di diversi portafogli per il 2022 e per affinare alcune strategie dopo oltre un anno e mezzo di osservazioni e siamo molto felici del lavoro che abbiamo fatto che presenteremo prossimamente ai nostri abbonati con un nuovo video dedicato alle nostre strategie d’investimento in ETF e azioni.

“Ogni cosa merita di essere migliorata” recita un antico principio filosofico giapponese e, infatti, nel Paese del Sol Levante è nato e si è diffuso il concetto manageriale di Kaizen.

Una parola che si compone di due termini giapponesi, KAI (cambiamento, miglioramento) e ZEN (buono, migliore), e significa cambiare in meglio, miglioramento continuo e costante e questo processo è necessario per qualsiasi organizzazione o anche individuo, poiché “vivere di rendita” è ben difficile in qualsiasi ambito.

Oggi sei primo in un settore, domani chissà.

 

 

Investire si mercati: ricevi gratuitamente la Lettera Settimanale

 

Per avere un radar sempre acceso sui mercati finanziari e capire come investire nel 2022 e non solo, abbiamo ideato la Lettera Settimanale, una newsletter finanziaria che racchiude il meglio delle nostre analisi. Crediamo nel valore della buona divulgazione finanziaria e per questo abbiamo deciso di condividere gratuitamente alcune delle migliori idee e analisi che elaboriamo ogni settimana.

Iscriviti e ricevi gratuitamente la Lettera Settimanale ogni martedì sulla tua mail: riceverai approfondimenti in pillole e analisi di mercato perfetti per chi vuole seguire i mercati e avere in breve una panoramica differente (talvolta un po’ irriverente), ben curata, breve e gratuita.

 

Lettera Settimanale

LA NOSTRA LETTERA SETTIMANALE... WOW!

Tieni sempre acceso un radar sui mercati! Ricevi gratis, ogni martedì, il meglio delle nostre analisi sulla tua casella email

Acconsento al trattamento dei dati per scopi di marketing, comunicazione e promozione da parte esclusiva di SoldiExpert SCF. I miei dati non saranno trasmessi a terzi e trattati nel rispetto della normativa (Questo consenso è necessario per poterti inviare le nostre analisi e i nostri report, come la LetteraSettimanale.it)