SI FA PRESTO A DIRE PATRIMONIO E MATRIMONIO. IL VIDEO DELLA CONFERENZA ROMANA. TORNA LA RUBRICA “FRA MOGLIE E MARITO…”

 

Roberta Rossi è un consulente finanziario indipendente, responsabile della consulenza personalizzata di SoldiExpert SCF.  Salvatore Gaziano si occupa nella stessa società delle strategie d’investimento (azioni, fondi, Etf e obbligazioni tramite portafogli)  dopo aver lavorato per molti anni come giornalista finanziario e analista nel settore. Oltre che nel lavoro formano una coppia anche nella vita e in questo diario commentano i fatti più importanti senza censure e con un pizzico d’irriverenza. Con una rubrica molto “familiare”…

Oggi parliamo dei soldi prestati dai risparmiatori alle Coop, di matrimoni & patrimoni, di soldi e sentimenti, di azioni del cuore e dei consulenti troppo “very very” amici, della pubblicità del Buondì Motta e di una canzone di Luca Carboni. E della Popolare di Bari e di San Nicola, il santo patrono della città, che nel giorno dei festeggiamenti si porta davanti la sede della potente banca locale per fare l’inchino. 

 

moglie-e-marito-800x300

 

Salvatore Pare che le Coop non abbiano trovato il modo di moltiplicare i pani e i pesci ma i valori di Borsa sì. I lettori de “La Stampa” da una settimana a questa parte possono leggere quasi ogni giorno un articolo dedicato al prestito sociale delle Coop. In cambio di un modesto interesse, i soci lasciano alla Coop una fettina dei loro risparmi..  E quando le cose vanno bene, i soldi la Coop te li restituisce: se vanno male (come è accaduto ad alcune cooperative di costruzioni e alcune di consumo t) “Hasta la vista”, ovvero arrivederci. Ai soci  di alcune Coop dell’Emilia Romagna è andata così: sono fallite Cmr, Unieco, Coopsette e Orion. E 70 milioni di euro dei soci se ne sono andati in fumo una buona parte.

Roberta Per molti anni si è consentito alle Coop quasi di tutto e le autorità di controllo hanno iniziato a intervenire con grande ritardo. Il limite che le Coop devono rispettare nel raccogliere il denaro dei soci è che il prestito sociale non deve superare di tre volte il patrimonio netto. E ci sono più di 8 miliardi di euro di risparmi che gli italiani hanno prestato alle Coop. Questi valori devono essere controbilanciati da patrimoni delle Coop di una certa consistenza e liquidabilità. Che succede però se le Coop gonfiano i patrimoni? “IL rischio bolla della finanza rossa” è il titolo di un’inchiesta che ha pubblicato qualche settimana fa “La Stampa” dove il giornalista Gianluca Paolucci, andandosi a spulciare i bilanci delle Coop e in particolare di Alleanza 3.0, la più grande coop di consumo italiana, ha scoperto che nel bilancio alcune partecipazioni finanziarie hanno valori enormemente superiori ai prezzi reali di Borsa.

Salvatore Devono aver preso alla lettera lo slogan “La Coop sei tu, chi può darti di più”. Rispetto ai prezzi di Borsa, le azioni Unipol (uno degli investimenti più forti dopo che nel passato alcune coop si sono distinte nel puntare sulle azioni MPS) possono valere anche tre volte di più nel bilancio delle Coop se contenute dentro una scatola finanziaria.
Se alcune Coop dovessero indicare in bilancio il prezzo di mercato della partecipazione detenuta in Unipol emergerebbe una sonora minusvalenza e una perdita che abbatterebbe il patrimonio. E sarebbero problemi. Ma basta qualche perizia e tutto si mette a posto. Nel caso della coop in questione c’è, infatti, una perizia di una società di consulenza che dice che non c’è problema. “Tutti gli animali sono uguali ma alcuni più degli altri” non è solo un celebre aforisma di George Orwell ma uno dei motti dei valutatori aziendali. La società di revisione e consulenza giustifica infatti il maxi valore  della partecipazione detenuta e il presidente di Alleanza 3.0, Adriano Turrini, lo difende con i denti: “ci sono le perizie di soggetti terzi, che tengono conto dei rendimenti attesi e di un premio di maggioranza”

Roberta Ah le perizie…. Come quelle sulle banche non quotate. Mi sembra un déjà-vu tipo quando dico ai nostri figli di mettere a posto i giocattoli nella stanza, loro mi assicurano che hanno sistemato tutto e tu gli hai detto che va bene… Poi quando vado a vedere io la stanza nonostante la tua “perizia” trovo ancora un delirio!

Salvatore In effetti sono un po’ in conflitto d’interessi non essendo nemmeno io un tipo proprio ordinatissimo! Ma io la faccio per amore filiale come ogni genitore. Nessuno mi paga una parcella.
Comunque in effetti quello che dici mi ricorda una canzone di Luca Carboni, “Inno Nazionale”. Siamo troppo bolognesi, troppo padovani e anche troppo di Bari. Insomma pur nella diversità “troppo italiani”.
Fuor di metafora al Nord più di dieci miliardi di euro sono ufficialmente andati in fumo con le banche venete, al Centro dopo il caso MPS e diverse banche abbiamo oltre 8 miliardi di euro prestati alle Coop che poggiano su bilanci fatti di stime e assunti un po’ tirati e al Sud non mi sembra che siamo messi bene anche lì a vedere alcune banche e realtà.

Roberta Non è bastato l’inchino del Santo. San Nicola avrà fatto tanti miracoli, ma non riesce a liberare i 70 mila soci della Banca Popolare di Bari che stanno provando in numerosi casi a vendere le azioni ma non ci riescono (tu ne avevi parlato più di un anno fa qui della grana destinata a scoppiare). Sono intrappolati nel book. Se va bene ci impiegheranno anni e potrebbero essere lacrime e sangue. Anche alla Popolare di Bari si “stimavano” tutti: non essendo una banca quotata, anno dopo anno il valore delle azioni veniva valutato sulla base di perizie fatte da professionisti.

Salvatore Hai presente la pubblicità del Buondi’? Quella in cui la bambina la mamma viene fatta fuori da un asteroide? «Mamma, mamma, vorrei una colazione leggera ma decisamente invitante che possa coniugare la mia voglia di leggerezza e golosità» Ecco la bambina “perfettina” mi ricorda un po’ quei risparmiatori che vorrebbero “coniugare la voglia di rendimenti elevati con quella di investimenti privi di rischio e che non oscillano…”. C’è tutta un’industria finanziaria pronta a sfornare “Buondì” e vendere in ogni stagione prodotti miracolosi…

Roberta In Italia esistono risparmi a go go (oltre 4000 miliardi di euro detenuti dalle famiglie), decine di migliaia di persone che se occupano dappertutto, in Posta, in banca, in sede, fuori sede, al supermercato, su internet e cosa ti partorisce questa gioiosa macchina da guerra? Una disastrosa allocazione del risparmio con innumerevoli casi di risparmio tradito o di saccheggio da parte dell’industria finanziaria. Senza contare i soldi degli italiani depositati nei conti correnti (oltre 1600 miliardi di euro!) che non rendono nulla e valgono oramai come il Pil italiano. Gli italiani sono seduti su una montagna di ricchezza male allocata o sterile; d’accordo avere un po’ di liquidità sul conto ma questa è una follia.

Salvatore  Per questo motivo la conferenza che ho fatto a Roma per “Investing Roma” ho pensato di titolarla “Scene da un patrimonio”. Sotto la patina di una coppia borghese apparentemente felicissima come nel film di Ingmar Bergman “Scene da un matrimonio” se si scava un po’ emergono crisi profonde e contraddizioni. E così nella conferenza ho raccontato quattro storie di famiglie di investitori e di trappole in cui sono caduti (con relative possibili soluzioni) dietro apparenti scelte felici…   E nell’ebook “I 4 PILASTRI PER INVESTIRE…” scaricabile gratuitamente (vedi qui) e che abbiamo scritto questa estate ho trovato molte risposte agli errori più tipici e seriali.

Puoi scaricarlo gratuitamente qui dal SoldiExpert Investor Club

Roberta La storia del marito trader pazzo del “natural gas” che hai raccontato nella conferenza l’ho trovata fortissima. “Compro vendo quindi sono”. Il trading come forza vitale e viva e come auto affermazione di sé e delle proprie capacità per molti maschi. Ma il trader non è un mestiere che si improvvisa. Ci vuole costanza, disciplina, metodo e una strategia. Adesso vanno di moda i Bitcoin e le criptovalute…. E ne parleremo anche alla prossima conferenza che faremo alla conferenza alla Borsa Italiana il 26 ottobre (clicca qui per iscriverti e qui per leggere il tema della nostra conferenza). Un altro deja vu….

Salvatore A botte del 5-10% da allocare (come ti consigliano alcuni esperti) in ciascun investimento per diversificare….  bastano 10 o 20 investimenti sfortunati o improvvisati e il patrimonio svanisce!
Avere un metodo e una strategia di investimento è uno dei quattro pilastri per investire bene oggi.
Seguire le voci, le mode e le dritte non è un metodo. E il problema spesso è che quando un titolo o un prodotto finanziario ormai l’hai acquistato perdi di lucidità. Il prezzo di carico diventa una maledizione : se il titolo scende non te ne separi più…

Roberta Sono come quelle donne che stanno con l’uomo sbagliato e anziché cambiare si ostinano a volerlo cambiare. Scusa ho divagato ma voi uomini avete i cassetti mentali, quello della finanza, quello delle relazioni affettive, quello del lavoro, quello dei figli, noi donne siamo piene di connessioni e i cassetti si mischiano continuamente. Quindi si inizia a parlare di soldi e si finisce col parlare di sentimenti…

Salvatore: Vabbè poi questa me la spieghi un’altra volta…. Intanto qui sotto c’è il video trailer di 2 minuti della conferenza su “SCENE DA UN PATRIMONIO” (di seguito poi chi vuole può vedere la conferenza integrale) per chi volesse capire perché diciamo che bisogna diffidare dei venditori finanziari “amici”, di come si valuta se un fondo (anche PIR) è una ciofeca o meno e tante altre cose per chi pensa sia al proprio matrimonio….che patrimonio!

 

Il Blog di SoldiExpert SCF

Cerchi consigli per investire in modo
intelligente i tuoi risparmi?

Affidati ai professionisti della
consulenza finanziaria indipendente di
SoldiExpert SCF

PARLA CON NOI

Scopri cosa possiamo fare per il tuo piccolo o grande patrimonio e contattaci per fissare un primo check up gratuito e una valutazione del tuo portafoglio

PARLA CON NOI