Questa è la rassegna stampa di tutti i principali articoli, video e contributi dove siamo stati chiamati a intervenire come esperti indipendenti

Bper convince, Saipem non ancora, Telecom Italia sempre nel guado. A che punto è Piazza Affari

Prove di rimbalzo questa mattina a Piazza Affari dopo la seduta pesante di lunedì 9 maggio. Fra i titoli migliori BPER che ha presentato una trimestrale sopra le attese grazie alla crescita delle commissioni mentre la doppia intervista ai vertici di Saipem (l’amministratore Francesco Caio e il direttore generale Alessandro Puliti) non convince del tutto visto che l’aumento di capitale da 2 miliardi di euro non sarà una passeggiata (oggi la società capitalizza poco più di 1 miliardo) seppure la società si spera che abbia fatto le grandi pulizie di primavera una volta per tutte. Sempre intricata la situazione di Telecom Italia dove KKR che possiede una quota importante nella società (Fibercop) che possiede l’ultimo miglio della rete Tim sembra avere un potere di veto su alcune decisioni.
Ne ha parlato Salvatore Gaziano, responsabile delle strategie d’investimento di SoldiExpert SCF, nell’appuntamento su Class CNBC a “Caffè Affari” condotto da Elisa Piazza per commentare l’apertura dei mercati e i temi del giorno.

Guarda il video

A che punto sono i mercati? Da Generali a Leonardo cosa bolle in pentola a Piazza Affari.

Salvatore Gaziano, responsabile delle strategie d’investimento di SoldiExpert SCF. ha commentato l”apertura di Piazza Affari con Elisa Piazza di Class CNBC alla trasmissione Caffè Affari. Da Generali a Leonardo, da BPM a Iveco i temi di borsa più caldi.

Guarda il video

Banche, energetici e utility alla grande prova dell’inflazione: dove e come investire ora?

Salvatore Gaziano, responsabile delle strategie d’investimento di SoldiExpert SCF, ha analizzato su Class CNBC nella trasmissione Caffè Affari con Adolfo Valente in conduzione, l’attuale risiko dei mercati. I settori favoriti dall’attuale difficile contesto macro-economico e geopolitico e quelli che finora hanno pagato il maggior pegno come il settore bancario italiano che è passato in poche settimane da +20% a -20%. Una carrellata su diversi titoli: da Enel a Leonardo, da Webuild a Eni. E l’anticipazione di uno studio su asset class e inflazione nell’ultimo mezzo secolo che verrà pubblicato su LetteraSettimanale.it

Guarda il video

Telecom Italia prova a rimbalzare dall’abisso mentre l’oro brilla più del solito

Dopo un lunedì per i mercati ancora molto difficile appesantito dalla brutta di chiusura di Wall Street, ripartono i mercati europei tentando un rimbalzo e con alcuni temi in primo piano.
Ne ha parlato Salvatore Gaziano, responsabile delle strategie d’investimento di SoldiExpert SCF, a Caffè Affari su Class CNBC.
Dopo il tonfo Telecom Italia prova una reazione sull’indiscrezioni che KKR potrebbe ancora fare un’offerta sul titolo anche se a prezzo ribassato. I forti ribassi di queste settimane stanno peraltro avendo effetti concreti sulle operazioni di fusione e acquisizione e di private equity e chi compra sta cercando di rinegoziare o rinviare tutte le operazioni. L’oro intanto supera i 2000 dollari l’oncia trascinato dalla ricerca di asset sicuri e dall’instabilità monetaria provocata anche dalle sanzioni.

Guarda il video

Putin mette sotto pressione anche le Borse

La Borsa di Milano e quelle mondiali partono con un -2% con il riconoscimento da parte di Vladimir Putin di due regioni separatiste nell’Ucraina orientale, rafforzando l’avversione per le attività rischiose.
Di conseguenza, i beni rifugio come l’oro sono ricercati e un’oncia del metallo giallo ha toccato il nuovo massimo di sei mesi a 1.911,56 dollari, mentre il prezzo del petrolio continua a salire verso la soglia dei 100 dollari dopo un picco di 7 anni a 97,66 dollari.
La crisi geopolitica ha accresciuto l’incertezza del mercato, spingendo gli investitori a rivedere al ribasso le proprie aspettative sull’entità del prossimo rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve statunitense.
Salvatore Gaziano, responsabile delle strategie d’investimento di SoldiExpert SCF, analizza su Class CNBC, gli ultimi sviluppi della crisi Russia/Ucraina, il rialzo dell’oro e il comportamento dei risparmiatori in queste situazioni.

Guarda il video

Con Atlantia riparte la stagione delle fusioni e acquisizioni ed è un buon segno per i mercati

Ieri sera Atlantia ha annunciato di aver sottoscritto un contratto con il gruppo Siemens per l’acquisto di Yunex Traffic per un corrispettivo di 950 milioni, La società preda è uno dei principali operatori globali nel settore dell’Intelligent Transport Systems (ITS) e delle Smart Mobility, con piattaforme di gestione dei flussi di traffico e mobilità urbana utilizzate in oltre 600 città.
Negli scorsi giorni, GlaxoSmithKline ha ricevuto e rifiutato da Unilever tre offerte dal valore di 50 miliardi di sterline per la GSK Consumer Healthcare, la joint venture con Pfizer sui prodotti farmaceutici a largo consumo.
Il 2022 riparte con il tema delle fusioni e acquisizioni in grande rilancio e Salvatore Gaziano, responsabile delle strategie d’investimento di SoldiExpert SCF, ha spiegato nel collegamento settimanale con Class CNBC nella trasmissione Caffè Affari che questo scenario è molto interessante per molte società fino a oggi poco valorizzate dai mercati ma con grande valore nascosto. Attenzione quindi ai titoli value e nel settore automobilistico i pessimi dati sulle immatricolazione in Europa anche nel mese di dicembre non dicono tutta la storia sull’andamento del settore che è un po’ più complesso e vede molti gruppi automobilistici nel 2022 in realtà tenere molto alta comunque la redditività nonostante minore auto vendute. E Salvatore Gaziano spiega il perché.

Guarda il video

Draghi pensa alla mordacchia sugli extra profitti di Enel & C. Genova (anzi Modena) per noi

Che Borsa sarà quella di oggi martedì 11 gennaio? Salvatore Gaziano, responsabile strategie d’investimento di SoldiExpert SCF e consulente finanziario indipendente, esamina i casi del giorno con Elisa Piazza a Caffè Affari su Class CNBC. Sotto osservazione i titoli del settore energetico e delle utility dopo che Mario Draghi ha detto in conferenza stampa che “occorre chiedere a chi ha fatto grandi profitti da questo aumento al prezzo del gas di condividerli con il resto della società”. In Spagna qualcosa di questo tipo l’ha fatto il governo di Pedro Sánchez decidendo di attingere ai profitti delle società energetiche, giudicati eccessivi e motivati dalla corsa dei prezzi, per procurarsi risorse da destinare al contenimento dei costi dell’energia per cittadini e imprese. Su Carige si apre la stanza per BPER che sbaraglia (si fa per dire) l’interesse di Credit Agricole e Cerberus. Ma per il sistema bancario italiano ed europeo sarebbe stato meglio probabilmente non alzare la bandiera nazionale come molti banchieri italiani hanno spinto per non far entrare lo “straniero”.

Guarda il video

Il Grinch prova a rovinare le feste con variante Omicron, inflazione ma i mercati provano a reagire

Inizio di settimana in rosso per le borse mondiali condizionate dal balzo dei contagiati soprattutto nella variante Omicron e da nuove misure di distanziamento sociale che hanno effetti negativi sui consumi. Le notizie positive arrivano però sul fronte dei vaccini, dalla Cina che abbassa i tassi e invita i gruppi privati e pubblici cinesi a intervenire sull’immobiliare e dal presidente Usa Joe Biden che cerca di riportare in carreggiata il progetto da 1,75 miliardi del piano infrastrutture USA finito in un binario morto per l’opposizione determinante di un senatore democratico. Babbo Natale prova così a contrastare il Grinch, il misantropo dai capelli verdi che cerca di rovinare il Natale.

Guarda il video

Piazza Affari prova a rialzare la testa ma negli ultimi 35 anni perde contro Wall Street 11 a 2

Dal 1986 a oggi il rendimento medio annuo delle azioni italiane (dividendi compresi) è stato di poco superiore al 2% contro oltre l’11% delle azioni statunitensi. E’ quanto si evince dall’ultimo numero speciale del settimanale Milano Finanza in occasione dei 35 anni della nascita. Lo ha ricordato Salvatore Gaziano, responsabile delle strategie d’investimento di SoldiExpert SCF, consulente finanziario indipendente, nel consueto appuntamento con Class CNBC alla trasmissione Caffè Affari. Si è parlato del buon momentum di Piazza Affari negli ultimi anni trainato soprattutto dall’andamento delle medium cap (da Interpump a Recordati, da Tamburi a Diasorin, da Be a Reply) e degli altri temi di mercato. Dall’atteso nuovo piano di Generali Assicurazioni al nuovo boom dei prezzi del gas.

Guarda il video

Stellantis: con un app cambieremo potenza del motore e assicurazione nel futuro

Stellantis ha annunciato questa mattina che punta a 4 miliardi di euro di entrate annue aggiuntive da prodotti e abbonamenti basati su software di bordo entro il 2026 e a 20 miliardi entro il 2030. Nato dalla fusione tra PSA e FCA, il gruppo, che come tutte le case automobilistiche storiche soffre del confronto con Tesla sull’avanzamento tecnologico delle sue vetture, punta ad avere 26 milioni di auto connesse in circolazione nel mondo tra il 2026 e 34 milioni entro il 2030, contro i 12 milioni attuali, grazie a tre piattaforme tecnologiche alimentate dall’intelligenza artificiale previste dal 2024. Questi aggiornamenti potrebbero essere offerti ogni tre mesi e consentire, ad esempio, di adeguare le tariffe assicurative via computer all’uso che si fa della propria auto o di modificare la potenza del proprio motore. Ne ha parlato Salvatore Gaziano, responsabile delle strategie d’investimento di SoldiExpert SCF, a Caffè Affari su Class CNBC nel consueto appuntamento settimanale dove si è fatto il punto sui mercati e sulla vicenda Telecom/KKR.

Guarda il video